Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

Intervento della polizia municipale Castellammare di Stabia

Abusivismo edilizio, vigili sequestrano un capannone


Abusivismo edilizio, vigili sequestrano un capannone
23/11/2010, 11:11

CASTELLAMMARE DI STABIA - Tolleranza zero contro il “cemento selvaggio” a Castellammare di Stabia. Dalle parole si passa ai fatti. Nell'area archeologica di Varano: su disposizione del sindaco di Luigi Bobbio, gli agenti della squadra di polizia edilizia del Comando di polizia urbana hanno avviato nuovi e più incisivi controlli al fine di porre le premesse per reprimere, in via definitiva, l'abusivismo edilizio in zona. Gli interventi erano partiti nei giorni scorsi, quando gli agenti avevano setacciato l'area collinare della città, presso Villa San Marco e Villa Arianna, denunciando tre persone e apponendo i sigilli a un capannone (nella foto). La struttura era già sottoposta a provvedimento di sequestro da parte dell'autorità giudiziaria, ma era stata trasformata in una casa abusiva. “Con questo primo intervento, iniziamo a mettere mano a una delle piaghe peggiori da me ereditate: lo scempio e il saccheggio edilizio degli scavi archeologici di Varano. – ha dichiarato il sindaco Luigi Bobbio - Dopo anni di condiscendenza e di inerzia, parte l’attacco duro e inarrestabile contro l’abusivismo che ha fatto scempio degli Scavi. Vi sono interi lotti, nell’area archeologica di Varano, totalmente sottratti al possesso e al governo della Sovrintendenza, da parte di ben note e spregiudicate famiglie”. L’amministrazione, intanto, ha disposto un controllo a tappeto di porzioni del territorio, con l’obiettivo finale di arrivare all’abbattimento in tempi rapidissimi di quanto è stato costruito, nonché al pieno recupero del controllo dell’area da parte della legittima proprietà.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©