Provincia / Acerra

Commenta Stampa

Acerra, Raffaele Lettieri scrive al Prefetto: «Va garantito il voto libero, vigilare sull’uso dei telefonini»


Acerra, Raffaele Lettieri scrive al Prefetto: «Va garantito il voto libero, vigilare sull’uso dei telefonini»
18/05/2012, 13:05

«I bastoni per picchiare gli elettori ed i presidenti di seggio si usavano in tempi, non lontani, nefasti per il nostro Paese. La Destra disperata, perché sente già la sconfitta, sfodera le sue armi migliori: la violenza e l’intimidazione». Si dice davvero preoccupato, Raffaele Lettieri, candidato a sindaco di Acerra, per la pesante intimidazione lanciata ieri dal suo avversario della Destra dal palco, alla presenza anche dell’ex ministro della Giustizia e del Presidente della Regione Caldoro. ”Andremo nei seggi con le mazze se necessario”, ha dichiarato il candidato della Destra, come viene pubblicato oggi da il Mattino a pagina 44. «E’ una frase che inquieta. Cosa vuol dire il mio avversario, che i suoi picchieranno chi non vota per lui? Capisco che si sente disperato per l’imminente sconfitta ma non si può arrivare alla minaccia e all’intimidazione. Questa non è democrazia. Il mio avversario alla fine della campagna elettorale si è davvero mostrato come è. E nessuno dei suoi padrini presenti ha detto una parola o si è dissociato per fermare l’escalation di violenza. La democrazia ad Acerra non potrà mai essere garantita da gente che arriva a dire cose del genere, anche perché finora non hanno mai denunciato nulla. Si tratta di minacce di uomini bramosi di gestire la cosa pubblica e che si rendono conto che ancora una volta perderanno le elezioni». «Chi è davvero uomo di Stato – insiste Raffaele Lettieri - sa bene che se c’è qualcosa da denunciare, qualche irregolarità, ci si rivolge alle forze dell’ordine, alla magistratura. Ma capisco che il candidato di Cosentino e del partito neofascista del Movimento Sociale Europeo non sia molto avvezzo a queste pratiche di legalità e democrazia». «Bisogna creare un cordone di democrazia e libertà, con donne e uomini liberi ed onesti, di qualsiasi schieramento politico, per arginare questi fenomeni di intimidazione che generano violenza e disordine, paura e disorientamento. Chi non tollera questo tipo di minacce, chi non sopporta queste intimidazioni, chi vuole la verità e odia le menzogne, vada a votare serenamente, sono sicuro che le forze dell’ordine sapranno vigilare e arginare ogni fenomeno di illegalità», è l’appello di Lettieri. Per tutelare tutte le donne e gli uomini liberi il candidato a sindaco di Acerra Raffaele Lettieri ha chiesto questa mattina l’intervento urgente di sua Eccellenza il Prefetto Andrea De Martino con un telegramma: “mio malgrado sono costretto a chiedere il suo intervento per opportuna e urgente vigilanza nei seggi elettorali per il ballottaggio di domenica e lunedì 20 e 21 maggio per l’inquietante dichiarazione resa ieri dal candidato della Destra: «Se necessario andremo nei seggi elettorali con le mazze». Ci affidiamo a Lei per scongiurare questo clima di intimidazione nei confronti di tutti i cittadini di Acerra. Si prega infine di vigilare perché i presidenti di seggio, vietino agli elettori di entrare nelle cabine con telefonini per fotografare la scheda, in quanto mi arrivano molte segnalazioni di tentativi di controlli del voto. Confidando nello Stato e nella Sua nota autorevolezza, cordialmente la saluto”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©