Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Un adattamento teatrale delle lettere di Luigi Vanvitelli

“Acqua che viene…Acqua che va…Le Acque della Reggia”

Recupero del territorio, in stampa anche una pubblicazione

.

“Acqua che viene…Acqua che va…Le Acque della Reggia”
26/11/2013, 12:49

CASERTA - E’ stata la sala giunta di Palazzo Castropignano, questa mattina, ad ospitare i lavori della conferenza stampa di presentazione di “Acqua che viene…Acqua che va…Le Acque della Reggia”, ovvero un evento che si svolgerà sabato 30 novembre ed il 28 dicembre prossimi, a partire dalle 20. L’evento, è stato spiegato dagli organizzatori, Ettore e Roberta Ventrella, s’inserisce nell’ambito dell’apertura straordinaria della Reggia di Caserta, dal titolo “Una Notte al Museo”; iniziativa, questa, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Rappresentato nella Cappella Palatina della Reggia, “Acqua che viene…Acqua che va…Le Acque della Reggia” è l’adattamento teatrale delle lettere dell’architetto Luigi Vanvitelli, realizzato a cura di Roberta Ventrella, con la regia di Patrizio Ranieri Ciu. La rappresentazione, promossa dalla Ventrella Edizioni di concerto con la Sovrintendenza per le province di Caserta e Benevento, gode del patrocinio del Comune di Caserta e vede la collaborazione dell’associazione “Ali della Mente” e “Teatro Fabbrica Wojtyla”, dell’ensemble strumentale Trabaci, di Alchimia per i costumi e di Arianna Giovannetti per le coreografie. Presenti, in conferenza stampa, il sindaco Pio del Gaudio, l’assessore al Turismo, allo Spettacolo ed ai Grandi Eventi, Pasquale Napoletano, il consigliere comunale Antonio De Crescenzo, il funzionario della Sovrintendenza di Caserta, Enzo Zuccaro, il regista Patrizio Ranieri Ciu e gli autori Ettore Ventrella e Roberta Ventrella. La rappresentazione segue anche la pubblicazione di un volume, sempre a cura di Ettore e Roberta Ventrella, che s’inserisce in un più ampio progetto di valorizzazione dei percorsi storici della provincia di Caserta e, in modo particolare, di recupero dell’acquedotto Carolino.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©