Provincia / Caserta

Commenta Stampa

De Simone: “Manterremo il trend positivo dello scorso anno”

Agroalimentare, settore vitale economia del Casertano -video

Camera di Commercio, i dati confermano la crisi dell’import

.

Agroalimentare, settore vitale economia del Casertano -video
03/01/2014, 10:05

CASERTA - Nonostante l’emergenza “Terra dei Fuochi”, che ha sollevato dubbi e polemiche sull’agroalimentare di una porzione limitata della regione Campania, il lattiero-caseario resta il primo settore in provincia di Caserta, passando da un fatturato di 84 milioni registrato nel 2012 ai 104 milioni per i primi nove mesi del 2013. Dati alla mano, il presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Simone, è convinto che il trend positivo sarà confermato anche nell’anno che è appena cominciato. Di contro, però, il settore dell’agricoltura mostra la riduzione più severa, con meno 37 unità, ed una variazione percentuale annua dello stock del meno 3,1%. “I dati dell’ultimo trimestre del 2013, - conferma il presidente dell’Ente Camerale di via Roma a Caserta – saranno disponibili entro il prossimo mese di marzo. Ma posso già anticipare che, per quanto concerne l’agroalimentare, la provincia di Caserta non registra flessioni, bensì una crescita sensibile che fa ben sperare anche per il futuro”. Per quanto riguarda, invece, il valore delle esportazioni in provincia di Caserta è pari a 852 milioni di euro e registra una variazione del 2,2% rispetto allo stesso periodo del 2012. Il contributo della provincia all’export regionale è del 12% e all’export nazionale è dello 0,3%. Diminuisce, invece, l’import del 9,3%, dimostrando la tendenza di diminuzione dei consumi. Dati molto soddisfacenti sono rappresentati sia dai “voucher per l’internalizzazione per la presentazione del proprio prodotto sul mercato internazionale, passando da poche decine a circa 500 imprese, sia per l’attiva collaborazione con la Procura in termini di legalità”. “Ci sono stati affidati 7 beni confiscati - conclude De Simone - e abbiamo vinto un concorso per la loro gestione”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©