Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Agropoli, cittadinanza onoraria Rositani


Agropoli, cittadinanza onoraria Rositani
18/06/2012, 12:06

Si è tenuta sabato 16 giugno 2012, nell’Aula Consiliare “A. Di Filippo” del Comune di Agropoli la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria al Generale di Divisione dei Carabinieri Giuseppe Rositani, già comandante della Compagnia Carabinieri di Agropoli dal 1975 al 1978.

All’evento erano presenti il sindaco Franco Alfieri, consiglieri e assessori comunali; il comandante interregionale Carabinieri “Ogaden”, Generale di Divisione Maurizio Gualdi; il comandante Legione Carabinieri “Campania”, Generale di Divisione Carmine Adinolfi; il comandante provinciale Carabinieri Salerno, Colonnello Fabrizio Parrulli; il sostituto procuratore presso il Tribunale di Vallo della Lucania, Renato Martuscelli; i rappresentanti territoriali delle forze dell’ordine; la rappresentanza dell’Arma in congendo con il Generale di Brigata dei Carabinieri Gianfranco Milillo e i presidenti delle sezioni dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Agropoli, Capaccio, Perdifumo e Altavilla Silentina; i rappresentanti del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana di Agropoli con il presidente di sezione S. Tenente Cosimo Cammarano; l’assessore provinciale Mario Miano; i sindaci del territorio.

Dopo il saluto del presidente del Consiglio Comunale, Luca Errico, il sindaco di Agropoli Franco Alfieri ha dato il suo benvenuto al Generale di Divisione Giuseppe Rositani, al quale è stata consegnata una pergamena con la motivazione ufficiale del conferimento della cittadinanza onoraria «in segno di riconoscimento per l’alto senso del dovere che anima la sua azione; del costante impegno nella lotta per l’affermazione dei principi di legalità; del notevole contributo dato alla Città di Agropoli nel periodo della sua permanenza ai fini di una sicura ed equilibrata convivenza civile. Esempio di uomo integerrimo e fedele servitore dello Stato».

E’ stato poi lo stesso Generale Rositani a ribadire il suo legame affettivo con il territorio agropolese e ricordato i suoi trascorsi professionali ad Agropoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©