Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Agropoli, il sindaco risponde a Domini


Agropoli, il sindaco risponde a Domini
17/09/2011, 12:09

«E’ deprimente constatare che da quattro anni il consigliere Domini continua a portare avanti una campagna di illazioni e di fango sull’operato dell’amministrazione comunale, senza mai una valutazione oggettiva e serena». E’ la risposta del sindaco di Agropoli Franco Alfieri e dell’assessore al bilancio Adamo Coppola alle accuse del consigliere Antonio Domini in merito ai rilievi della Corte dei Conti sul bilancio Comunale.

«Il documento che lui cita – entrano nel merito il sindaco e l’assessore - è la pronuncia della Corte dei Conti, argomento già discusso nella seduta del Consiglio Comunale del 28 luglio 2011 alla quale, tra l’altro, Domini era assente. Quindi non si tratta di nulla di nascosto. Nella stessa seduta di luglio si è concordato anche che nel prossimo Consiglio Comunale, fissato per il 29 settembre, l’amministrazione comunale, nell’ottica della massima trasparenza, darà le sue controdeduzioni ai rilievi sollevati dalla Corte dei Conti.

I rilievi sono sostanzialmente di carattere formale e non mettono assolutamente in evidenza le gravi irregolarità paventate dal consigliere di opposizione Domini. Anzi, lo invitiamo pubblicamente a partecipare al prossimo consiglio dove dimostreremo senza ombra di dubbio l’oculata gestione finanziaria dell’ente comunale alla luce anche dei rilievi della Corte dei Conti.

E’ chiaro a tutti che non potendo negare l’enorme lavoro svolto dalla nostra amministrazione, Domini tenterà nella prossima campagna elettorale di strumentalizzare qualsiasi argomento, come i presunti debiti prodotti e come sta facendo con il documento della Corte dei Conti, costruendo un mare di illazioni con l’arma del discredito e del sospetto.

Per noi, invece, la nostra campagna elettorale è già testimoniata da quanto realizzato per la città, un impegno quotidiano sempre orientato al bene comune, sereni della fiducia che ogni giorno riscontriamo dai cittadini».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©