Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Agropoli, la rassegna “Kèramos” al Palazzo Civico delle Arti di Agropoli


Agropoli, la rassegna “Kèramos” al Palazzo Civico delle Arti di Agropoli
20/11/2013, 11:22

AGROPOLI - Kèramos, l’arte della ceramica in mostra” è la nuova rassegna che sarà ospitata nelle sale espositive del Palazzo Civico delle Arti di Agropoli, promossa dall’Amministrazione Comunale di Agropoli e curata da Antonella Nigro. L’inaugurazione è in programma sabato 23 novembre alle ore 18.30. La mostra resterà aperta fino al 7 gennaio 2014. Quattro gli artisti – Francesca Armiento, Italo Cerullo, Teresa Condito, Angelo Fortunato – che esporranno le loro opere che avranno come elementi di ispirazione la terra, l’acqua, l’aria e il fuoco.
«La rassegna Kéramos – afferma il sindaco Franco Alfieri - sottolinea nuovamente la grande sensibilità dell’Amministrazione Comunale nella promozione del sapere grazie ad una struttura espositiva, il Palazzo Civico delle Arti di Agropoli, dedicata all’arte, all’archeologia e, più in generale, alla cultura, che ha come intento principale quello di offrire alla cittadinanza, attraverso percorsi espositivi curati e originali, un nuovo museo. Luogo di scambio e confronto, il Palazzo Civico delle Arti è divenuto punto fondamentale della diffusione delle diverse espressioni artistiche e culturali della provincia di Salerno e questa nuova manifestazione conferma la continuità e la costanza di un ambizioso e riuscito progetto».
«Palazzo Civico delle Arti – dichiara l’assessore all’identità culturale, Francesco Crispino – dall’atto della sua inaugurazione nell’aprile 2011, ha visto la sezione espositiva ospitare una serie di rassegne concernenti le arti figurative senza alcuna soluzione di continuità. La ceramica costituita dai quattro elementi fondamentali del creato, la terra, madre di tutto, l’acqua, linfa vitale, l’aria, alito creativo, il fuoco, forza pervasiva, sarà l'oggetto del prossimo progetto artistico che, dal 23 novembre 2013 al 7 gennaio 2014, si potrà ammirare presso le sale dedicate all'arte contemporanea. Sono certo che la materia plasmata dalle mani sapienti di questi valenti artisti, moderni alchimisti, ci darà l’opportunità di poter ammirare delle opere uniche nel loro genere».
«Kéramos è la nuova rassegna dedicata alla ceramica che impreziosisce gli splendidi ambienti del Palazzo Civico delle Arti di Agropoli – spiega la curatrice Antonella Nigro - La kermesse presenta quattro artisti in mostra personale accomunati da un percorso di ricerca che predilige la ceramica quale espressione più consona ed efficace alla descrizione dei motivi e delle tematiche di ognuno. Un percorso espositivo ricco ed emozionante che interpreta il mito e la ritualità, la femminilità e il pathos, il viaggio e il sacro, la natura e la contemporaneità, alla luce di una magica e ancestrale manualità che, legata alla terra e attraverso il fuoco, crea l’irripetibilità della vera opera d’arte».
Gli artisti

Francesco Armiento – Fantasie d’argilla

Francesca Armiento, nata a Calitri, si diploma presso l’ISA “S. Scoca”. Studiosa delle tradizioni ceramiche locali, le rivisita in chiave moderna ed espone le sue opere in due rassegne nel 1979 e nel 1980. Gli anni successivi vedono un’evoluzione del percorso artistico, sfociato in mostre personali, collettive e concorsi. La passione per la ceramica scultorea è evidente nelle sue opere, nelle quali mette a punto dinamiche plastiche e patine personalizzate. Vive a Salerno ed insegna Discipline Geometriche e Progettazione per il Design della ceramica presso il Liceo Artistico “Sabatini-Menna”
Italo Cerulli – Segni di Miti e di Riti

L’Architetto e scultore Italo Cerulli del 1946, vive ed opera a Paestum, maestro d’Arte a Napoli sezione scultura, ha frequentato il Liceo Artistico e l’Accademia di Napoli, laureato in Architettura, a Firenze, nel 1968 vince il primo premio di Arte Sacra presso l’Istituto Don Bosco di Napoli. Nel proprio laboratorio continua ad esprimersi in un insieme di produzione artistica che spazia dalla scultura su legno, al bronzo, al ferro, dalla terracotta alla ceramica. Ha realizzato monumenti alla memoria: in bronzo, acciaio inox, ferro patinato, vetrate artistiche, pietra lavica, edicole sacre, nonché lavori di scultura, riproduzione di opere archeologiche.

Teresa Condito – Individuo

Teresa Condito originari di Torre del Greco, appartiene ad una famiglia di artigiani del corallo, che le danno lo spunto creativo e l’input per l’armonia della forma e la creatività, alimentata dalla preparazione di corsi specialistici del design del gioiello, della moda e della scultura in creta. Arrivano così i riconoscimenti dal 2001 al 2008 “Tahitian Pearl Trophy” e “Primier” (2001-2009). Contemporaneamente le sue creazioni vengono esposte in Italia, Francia, Spagna, Giappone, meritando pubblicazioni su riviste internazionali. La naturale crescita artistica porta Teresa alla scultura, realizzata in vari materiali, e partecipa a diversi concorsi internazionali d’installazioni d’opere d’arte.

Angelo Fortunato – Emozioni in ceramica

Nato a Sieti, un suggestivo borgo nel comune di Giffoni Sei Casali, diplomato all’Istituto D’Arte Filiberto Menna di Salerno, ceramista e decoratore, è dotato di grande estro, creatività e vena artistica. La passione per la ceramica, l’inossidabile spirito creativo e la genialità con cui realizza le sue opere, lo inducono a sperimentare, instancabilmente, colori e miscele per ottenere quei risultati sorprendenti che riserva l’apertura di un forno ceramico. Nel 2010 ha ottenuto un riconoscimento particolare dalla Scuola Medica Salernitana per la donazione di una sua opera in ceramica. Consulente presso istituti professionali e industrie ceramiche, lascia la sua impronta creativa in Italia e all’estero.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©