Provincia / Torre Annunziata

Commenta Stampa

Oggi davanti al Gip gli esponenti dei clan Gionta e Gallo

Al via gli interrogatori agli 11 estorsori arrestati sabato


.

Al via gli interrogatori agli 11 estorsori arrestati sabato
12/04/2010, 12:04

TORRE ANNUNZIATA - Sono partiti questa mattina gli interrogatori di garanzia delle undici persone arrestate all'alba         di sabato per estorsione ai danni di imprenditori nautici oplontini. Il blitz compiuto tre giorni fa dai carabinieri del comando gruppo di Torre Annunziata, ha portato dietro le sbarre un nucleo estorsivo composto dalle due famiglie camorristiche oplontine. Davanti al gip Antonella Terzi, i tre esponenti del clan Gallo e gli otto del clan Gionta.
Intanto le forze dell’ordine hanno messo nuovamente sotto assedio Palazzo Fienga, la storica residenza del clan dei Valentini scoprendo impianti abusivi di videosorveglianza, botole e porte blindate. Un fortino in cui i due clan vesuviani cominciavano a parlare la stessa lingua e prendere di mira gli stessi obbiettivi.
In queste ore si rincorrono anche voci su una possibile rinascita del covo. Il Comune intenderebbe trasformarla, infatti, in un presidio di legalità. Sul caso è intervenuta la deputata del Partito democratico Luisa Bossa, componente della commissione parlamentare antimafia. “Il lavoro su Torre Annunziata e sull’area vesuviana deve continuare; bisogna dare sicurezza ad imprenditori e commercianti, combattere il racket, stanare i latitanti e colpire i clan al cuore, cioè negli interessi economici e nei luoghi simboli. In questo senso, bisogna che lo Stato si appropri dello storico Palazzo Fienga, la bandiera del potere criminale dei clan, da sempre roccaforte di camorra, zona franca sottratta alla legge”.
Nell’attesa che vengano prese importanti decisioni, gli interrogatori agli undici arrestati continueranno anche nei prossimi giorni, mentre sarà interrogato in un secondo momento il 17enne G.A., l'unico al di sotto dei 18 anni finito in manette.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©