Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

L'Asl Na 2 Nord in campo per prevenire la tiroide

Al via la campagna di informazione "Poco sale ma iodato"

Gli esperti: "Bisogna adottare uno stile di vita sano"

Al via la campagna di informazione 'Poco sale ma iodato'
19/09/2011, 10:09

QUARTO (NA) - Da qualche giorno il Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione, diretto dal dottor Luigi Castellone e presente nel Dipartimento di Prevenzione Asl Napoli 2 Nord di Quarto, promuove una campagna di informazione rivolta alla popolazione sull’utilizzo del sale iodato. Con il contributo del dottor Maurizio Palumbo e del dottor Andrea Tondini sarà diffuso nei ristoranti, nei punti vendita di sale e presso le mense scolastiche, il materiale informativo sulla iodio profilassi. Queste campagne informative rientrano nel Piano Regionale Integrato dei controlli ufficiali in materia di alimenti della Regione Campania, in attuazione delle direttive del Ministero della Salute, per la prevenzione del gozzo endemico e di altre patologie a carenza iodica.
“Lo iodio è un micronutriente essenziale presente nell’organismo umano in piccole quantità e concentrato quasi esclusivamente nella ghiandola tiroide – rendono noto gli esperti - Nel caso di insufficiente assunzione di iodio, la ghiandola tiroide non è in grado di produrre quantità sufficienti di ormoni tiroidei, con quadri morbosi come il gozzo e alterazioni a carico del sistema nervoso”. “Il sale arricchito di iodio è del comune sale da cucina a cui sono stati aggiunti dei Sali di iodio – proseguono - Ha lo stesso aspetto del sale da cucina e non presenta odori o sapori particolari, né altera quello dei cibi a cui viene aggiunto. Per evitare quanto più possibile perdite di iodio è consigliabile conservarlo in luogo fresco, al riparo della luce e dell’umidità”. La campagna informativa “Poco sale ma iodato” ricorda anche che per mantenersi in buona salute è necessario adottare uno stile di vita sano. Il Dipartimento di Prevenzione di Quarto sottolinea l’importanza di controllare il peso e di mantenersi sempre attivo.
“Più cereali, legumi, ortaggi e frutta - concludono gli esperti – mentre bisogna assimilare nei giusti limiti gli zuccheri. E’ necessario bere ogni giorno acqua in abbondanza e variare le tue scelte a tavola”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©