Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Al via la festa dei giovani flegrei per dire no alle droghe

L'evento coinvolgerà le scuole del territorio

Al via la festa dei giovani flegrei per dire no alle droghe
07/02/2011, 10:02

POZZUOLI (NA) - L’Unità Operativa Integrata di prevenzione alle tossicodipendenze dell’Ambito N4, il Dipartimento delle Dipendenze Patologiche diretto dal dr G. Di Lauro, e le ACLI del territorio, hanno organizzato per mercoledì 9 un incontro per le scuole, presso il Palasport "A. Trincone" in Via Miccoli a Monterusciello. Una festa pensata come momento di confronto tra gli studenti delle diverse scuole del territorio alla quale parteciperanno personaggi dello sport, della musica e dello spettacolo. Presenta Luca Sepe, con il contributo di Radio KISS KISS Napoli. Testimonial dell’evento saranno i giocatori della Società Sporting Club Flegrea – Basket, gli atleti della squadra ALCOT Amatore Napoli – Rugby, l’Associazione culturale "I Ragazzi di Scampia" e Peppe Iodice Comico di ZELIG. L’evento è il risultato di un progetto nato negli anni nell’ambito della legge 45 del 1999, partito con una campagna di informazione e sensibilizzazione sulle problematiche derivanti dall’uso di droghe ed il coinvolgimento di un grande numero di scuole medie superiori e medie inferiori, del territorio. Il progetto ha previsto il pieno coinvolgimento di alunni, insegnati, genitori e associazioni. Da un’analisi dei dati emersi dai Ser.T., dai Centri di Ascolto e da un’indagine effettuate insieme alle ACLI tra i giovani delle scuole, delle Parrocchie e dei luoghi di aggregazione del territorio, è emerso un forte aumento, sul territorio dell’ASL Napoli 2 Nord, dell’uso di sostanze psicotrope e nuove dipendenze (alcol, playstation, internet, gioco d’azzardo, cellulari), fenomeno che coinvolge anche bambini dell’età di 11-12 anni. L’incontro rappresenta quindi un’occasione per accendere i riflettori sulle politiche giovanili e sulla prevenzione delle dipendenze e sviluppare percorsi sinergici con la scuola, attraverso azioni incentrate sulla peer education, l’educazione tra pari e la promozione del protagonismo giovanile.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©