Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Al via la task force anti-evasione Metronapoli

Alt ai portoghesi: doppio controllo varchi accesso Linea 1

Al via la task force anti-evasione Metronapoli
12/07/2013, 17:45

NAPOLI - Più controlli ai varchi, meno sanzioni. E’ la nuova strategia antievasione Metronapoli che punta sulla prevenzione per ridurre il fenomeno, in allarmante crescita.

 

Da oggi e per tre settimane nelle stazioni di Chiaiano, Vanvitelli, Piscinola e Dante della Linea 1, è partita in via sperimentale una nuova modalità di ingresso ai tornelli con l’obiettivo di potenziare il controllo dei titoli di viaggio. In campo tre squadre aggiuntive di verificatori e personale di vigilanza a supporto dell’attività per ciascuna stazione, nella fascia oraria 7.00 – 10.00 e 11.00 - 14.15. 

 

La clientela in transito deve da oggi superare una doppia barriera. Una prima postazione preventiva in cui  si deve obbligatoriamente esibire al personale Metronapoli abbonamento o titolo di viaggio valido. A seguire l’effettiva validazione del ticket di viaggio nell’obliteratrice.

In questo modo viene garantita una gestione più efficace dei flussi di utenza e ridotti del 20% i tempi di accesso ai varchi che devono essere chiusi e, se aperti per l’eccezionale affluenza, sempre presenziati da agenti di stazione.

 “Non puntiamo ad azioni punitive, spiega l’Amministratore Unico Alberto Ramaglia, vogliamo piuttosto invogliare i passeggeri a comportamenti corretti e dare una risposta concreta a chi invece il biglietto lo acquista regolarmente. Intendiamo proseguire con questa filosofia incentrata sulla prevenzione dissuasiva,  dimostrando che presenza e un dialogo costanti con la clientela possono fare la differenza”.

Controlli anche in uscita vengono eseguiti sia dal personale itinerante di controlleria sia da quello a bordo treno, in banchina e in uscita dalle stazioni;  a questo si aggiungono manutenzione tempestiva delle obliteratrici, di tornelli ed emettitrici dei titoli di viaggio.

 

Evasione ed elusione tariffaria costituiscono un fenomeno in allarmante crescita. Secondo l’ultima indagine Unico Campania, il tasso di evasione sull’intero sistema di trasporto gestito da Metronapoli è aumentato dal 3,90% del 2009 all’attuale 6,44%. Una situazione che penalizza l’azienda soprattutto nella ripartizione degli introiti da titoli di viaggio mentre si moltiplicano gli episodi di intimidazione e aggressione ai danni degli agenti di stazione, cui è affidato il difficile compito di far rispettare le regole. Un punto anche questo su cui l’azienda è determinata a dare una risposta incisiva.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©