Provincia / Casoria

Commenta Stampa

Ambiente, Casoria: presentazione alla città del “progetto Vedelago”


Ambiente, Casoria: presentazione alla città del “progetto Vedelago”
28/07/2011, 10:07

Venerdì 5 agosto prossimo, alle ore 10.00, presso la Sala consiliare di piazza Cirillo si svolgerà il primo convegno-dibattito di presentazione del cosiddetto “progetto Vedelago”, ovvero l’opportunità di realizzare sul territorio di Casoria un Centro di Separazione Meccanica dei rifiuti.

Si tratta di fatto della presentazione ufficiale alla città del progetto di riciclo dei rifiuti che è stato asse portante della campagna elettorale del Sindaco Enzo Carfora.

All’evento, organizzato in collaborazione con l’Unione Sindacale di Base (Usb), prenderà parte anche la dottoressa Carla Poli, Direttrice della Vedelago S.r.l. la società che gestisce l’impianto attualmente in funzione nel centro omonimo della provincia di Treviso.

Al dibattito sono stati invitati gli organi regionali e provinciali che si occupano di ambiente ed i sindaci di tutti i comuni del comprensorio, compreso il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.

“Sono stato convinto dalla bontà del metodo di recupero dei rifiuti adottato a Vedelago – afferma il sindaco, Enzo Carfora – già prima che decidessi di accettare la mia candidatura a sindaco. Rappresenta un valido strumento perché si possa arrivare al nostro obiettivo di riciclare il 100 % dei rifiuti prodotti da Casoria. L’incontro del 5 agosto – prosegue il sindaco – servirà a dare maggiore consapevolezza alla città del nostro operato. Inoltre abbiamo voluto la presenza dei sindaci di tutto il comprensorio per capire se l’idea, partita da Casoria, possa rappresentare una soluzione per tutta l’area nord di Napoli.”

“Quella di Vedelago - afferma l’Assessore all’Ambiente, Pasquale Tignola - è una soluzione che stiamo valutando come forma di responsabilizzazione del territorio. La raccolta differenziata è uno strumento importante ma recuperare il 100 % dei rifiuti, inteso il secco indifferenziato, potrebbe risultare determinate per assicurare al territorio un futuro tranquillo sotto questo aspetto. L’evento del 5 agosto ci servirà per avviare un’analisi oculata sulle scelte da operare.”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©