Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Appello contro lo sgombero dell'ex Lido pola

Per la bonifica sociale dal basso di Bagnoli

Appello contro lo sgombero dell'ex Lido pola
10/06/2013, 13:59

BAGNOLI - Centinaia di adesioni sono già arrivate all'appello contro lo sgombero, per l'autogestione/riqualificazione/autorecupero dal basso dell'ex Lido Pola a via Coroglio, struttura abbandonato da decenni al degrado, ridotta quasi a uno scheletro, che nelle ultime settimane ha ripreso a vivere dei sogni e del lavoro vivo di tanti giovani e gruppi di Bagnoli, a partire della comunità degli attivisti e delle attiviste di Bancarotta.
Il laboratorio sociale fu paradossalmente sgomberato per il sequestro della magistratura delle aree ex-italsider proprio in virtù di quella farsa della bonifica che lo stesso centro denunciava da anni!
Il progetto di autorecupero/autogestione partito con l'occupazione e l'autogestione di quel che resta dell'ex Lido Pola fa parte di quell'idea di bonifica sociale dal basso del quartiere rispetto agli interessi speculativi e all'immobilismo coatto che forse è la necessaria premessa a una reale bonifica ambientale e al rispetto del diritto alla salute.
Eppure come rileva l'appello "gli ex concessionari e l'ufficio del demanio, dopo aver abbandonato un bene pubblico per decenni, ora vorrebbero sgomberare le comunità che lo stanno rimettendo in sesto, preferendo ancora una volta l'immobilismo speculativo al protagonismo sociale"!
Da qui l'appello cui in poche ore hanno aderito tanti comuni cittadini e associazioni insieme a docenti universitari della Federico II e dell'Orientale, intellettuali, musicisti, artisti, come la 99Posse, Daniele Sepe, Luciano Ferrara, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, gli Ezezi ecc.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©