Provincia / Giugliano

Commenta Stampa

Al Municipio anche il Commissario Asi Federico Lasco

Area Giuglianese: ecco l'accordo di reciprocità


.

Area Giuglianese: ecco l'accordo di reciprocità
30/11/2009, 17:11

GIUGLIANO -  Il Comune dell'importante cittadina partenopea, da capofila del Partenariato Istituzionale Locale (Pil) del Sistema Territoriale di Sviluppo (Sts) C8, ha organizzato, presso la sala consiliare, un convegno pubblico per parlare  dell'accordo di reciprocità per lo sviluppo socio-economico dell'area giuglianese.
Gli accordi presi con la Regione Campania prevedono infatti l'utilizzo di strumento per lo sviluppo del tessuto economico e del tessuto sociale dei territori della Campania con lo stanziamento di circa 500 milioni di euro per il raggiungimento degli obiettivi di crescita. Secondo lo schema programmatico, il prossimo 14 dicembre, ci sarà la presentazione definitiva delle proposte di Adr e l'inizio della fase di selezione. Il sistema territoriale "Area Giuglianese" coinvolto nel progetto è composto dai Comuni di Calvizzano, Giugliano, Marano, Mugnano, Qualiano e Villaricca. Il Partenariato, guidato dai sindaci dei comuni appena citati, si obbliga a contribuire al finanziamento degli interventi attraverso risorse locali, nonchè mobilitando risorse private. Inoltre, i sei primi cittadini, si cureranno di realizzare azioni rivolte alla qualificazione territoriale (salvaguardia e cura del paesaggio, rispetto dei dispositivi della pianificazione territoriale, promozione della cultura e della legalità, qualità della vita e dei servizi, mobilitazione delle comunità locali e del sistema produttivo, capacità e trasparenza amministrativa). Il progetto portante dell'Area Giuglianese prevede, nel particoalre, la sistemazione idrogeologica dell'aveo e la messa a regime dell'intero sistema fognario dei sei Comuni coinvolti. L'importo per la sistemazione idrogeologica è pari a 45 milioni di euro, di cui 8 già assegnati dal Ministero dell'Ambiente al Consorzio di Bonifica del Bacino Inferiore del Volturno.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©