Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Asl di Salerno: pagate in via straordinaria tutte le fatture dei fornitori colpiti dal sisma


Asl di Salerno: pagate in via straordinaria tutte le fatture dei fornitori colpiti dal sisma
02/06/2012, 09:06

L'ASL di Salerno ha oggi pagato tutte le fatture, anche se non scadute, dei propri fornitori di beni e servizi le cui strutture operative e produttive sono state colpite dal sisma che ha interessato l'Emilia Romagna e le zone limitrofe.

Sono già dal tesoriere i mandati per 126.915 euro relativi a 65 fatture emesse da 18 fornitori delle province di Bologna, Reggio Emilia e Modena.

E' stata sollecitata ai presidi ospedalieri e ai distretti la liquidazione delle fatture già registrate inserite in contabilità, così da pagarle entro la prossima settimana: si tratta di 236 fatture emesse da 22 fornitori per un totale di 414.604.

Sul sito aziendale (www.aslsalerno.it) sono pubblicati i nomi delle Aziende, date e importi di queste fatture, per dar modo a ogni fornitore di verificare e segnalare al numero telefonico o alla casella di posta elettronica indicati eventuali integrazioni.

Tutto questo è stato possibile grazie alle disponibilità di cassa di una Azienda oggi risanata dalla disastrosa situazione in cui versava un anno fa, quando vi era difficoltà a pagare gli stipendi al personale.

Commissariata nel marzo 2011 a causa di una perdita giornaliera di 740 mila euro al giorno che aveva portato ad accumulare dal 2009 al primo trimestre 2011 una perdita corrente di 609 milioni di euro, mentre il buco iscritto a bilancio al 31 dicembre 2010 saliva a 1,7 miliardi di euro, l?ASL di Salerno e? oggi in equilibrio operativo e paga regolarmente i propri fornitori, grazie a un risanamento di straordinaria ordinarietà raggiunto senza chiudere nulla, senza tagli lineari, senza risorse aggiuntive, senza penalizzare oltremodo i cittadini salernitani e recentemente premiato al Forum della Pubblica Amministrazione come una delle 10 storie di qualità del 2011.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©