Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Emergenza rifiuti

Assessore Romano replica al comune di Napoli


Assessore Romano replica al comune di Napoli
10/01/2011, 15:01


NAPOLI - "E' sorprendente la perseveranza e la tenacia con cui il Comune di Napoli continua il pianto greco ad oltranza su questioni che non esistono per nascondere le proprie incapacità”. L'assessore all'Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano replica così alle ennesime dichiarazioni del Comune di Napoli. "Stiamo lavorando - ha detto l'assessore Romano - per risolvere un problema che non è di competenza della Regione Campania, ossia dell'ente di Santa Lucia, ma del Comune: ci siamo sostituiti a chi doveva risolvere la questione, non lo ha fatto e ora non solo continua a non dare neppure il proprio contributo propositivo ma addirittura attua un inutile piagnisteo. Non ci meravigliamo che ai nostri sforzi non venga data la giusta considerazione da parte del Comune di Napoli giacchè l'ente non ha esitato, con le proprie inefficienze, a lasciare annegare nella monnezza i propri cittadini, ma davvero non ce la facciamo più a sentire solo l’ eco di lamenti inutili: il Comune di Napoli avrà dove sversare, come è sempre accaduto. Piuttosto che dedicarsi a queste ormai quotidiane dichiarazioni, l'amministrazione di Palazzo San Giacomo si dia da fare: il Ministero dell'Ambiente sta attendendo da settimane il piano operativo per la raccolta differenziata che non è ancora pervenuto; come ancora non è arrivata una migliore organizzazione del sistema; i dispositivi che l'Ufficio flussi ha garantito all'ente di Palazzo San Giacomo non sono stati sfruttati a causa di problemi con gli autocarri, spesso non sufficienti nel numero. Ringraziamo i militari per il lavoro svolto finora ma non vorremmo che divenissero gli spazzini di un Comune incapace sostituendosi ad oltranza a chi è pagato per questo e non lo fa. L' intervento dei militari non può essere sostitutivo di quello delle società appaltatrici del Comune. “Per quanto riguarda la proposta di legare il pagamento della Tarsu alla fornitura di servizi - ha aggiunto Romano - va detto che la stessa mette in evidenza un dato incontrovertibile: rispetto a chi non paga la tassa non c'è sanzione efficace. Mi sono permesso di avanzare un suggerimento che, con le dovute cautele, vuol rappresentare un deterrente per coloro che abitualmente non pagano la tassa sui rifiuti e che deve essere visto come una risposta dei Comuni rispetto agli evasori, perchè è questa incapacità degli enti, ed anche del Comune di Napoli, che non rende possibile pagare i fornitori, i lavoratori e le società provinciali. La mia - ha concluso Romano - è solo una proposta che è stata formulata, ancora una volta, nel tentativo di sostituirsi o di aiutare chi non fa il proprio dovere; stiamo aspettando le proposte degli altri soggetti interessati".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©