Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Un evento per proteggere il polmone verde

Associazione R.O.A.S. per la tutela della Foresta di Cuma

Successo per i corsi di Tae Kwon Do e della danza del Ventre

Associazione R.O.A.S. per la tutela della Foresta di Cuma
19/04/2011, 11:04

POZZUOLI (NA) - Grande fervore per la manifestazione che si è tenuta domenica pomeriggio, presso la Foresta di Cuma, volta a valorizzare questo prezioso polmone verde. L’evento, organizzato dall’associazione R.o.a.s. (Raggruppamento Operativo Ambientale Speciale), guidata dal vicepresidente Antonio Chiocca, nonché responsabile nazionale delle guardie volontarie, è stato caratterizzato da un ricco ed originale programma. “L’iniziativa è nata in seguito a mesi di sorveglianza e valorizzazione della Foresta di Cuma. Per la rilevanza dell’evento e per il valore del sito, le Guardie Ambientali Volontarie – Raggruppamento Operativo Ambientale Speciale, in collaborazione con la Regione Campania, hanno deciso di collaborare per dare una mano alla cura e alla promozione di tale area naturalistica” rende noto il vicepresidente Chiocca, che ha sottolineato l’importanza di tale progetto per esplorare la natura e il territorio, osservando la realtà e vivendo esperienze uniche. Di grande rilevanza il connubio tra sport e natura: il direttore tecnico della squadra di Tae Kwon Do, il maestro Enzo Matarazzo, ha evidenziato ai suoi ragazzi come svolgere l’attività sportiva in un ambiente naturale faccia bene al corpo e allo spirito degli atleti, ma al contempo valorizzi e tuteli quei luoghi, perché se frequentati da giovani e famiglie saranno meno preda di vandali e malintenzionati. Successo anche per il corso della Danza del Ventre, che ha donato un momento di piacevole armonia, fondendo la grande comunicatività della musica e delle movenze del corpo con la forza vitale che il fruscio ed i profumi del bosco sanno infondere nell'essere umano. L’insegnante di danza, Margaret Squillacciotti, ha sottolineato ancora una volta quanto sia difficile essere felici se l'ambiente che ci circonda non è sano e vitale. Alla fine della manifestazione le Guardie Ambientali Volontarie R.O.A.S., dopo aver rilasciato a tutti gli atleti una medaglia ricordo, hanno illustrato le caratteristiche del sito naturalistico e della flora e della fauna che lo abitano. Il particolare il responsabile nazionale Antonio Chiocca ha messo in evidenza “l'importanza di proteggere le Dune - classica formazione sulla sabbia dovuta ai venti che spirano dal mare - in quanto esse rientrano nelle c.d. zone SIC (Siti di Interesse Comunitario), dove nasce anche il Giglio delle Dune”. Sport, danza e partecipazione per conoscere, celebrare e proteggere il bosco e la sua preziosa biodiversità: queste, dunque, le cornici principali dell’evento.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©