Provincia / Avellino

Commenta Stampa

Avellino: L'assenza delle istituzioni

Protesta da parte del SIULC

Avellino: L'assenza delle istituzioni
18/06/2013, 12:17

AVELLINO - Avellino, dove esistono continue violazioni alla luce del sole con una Prefettura che non agisce immediatamente per il ripristino della democrazia, con Istituti di Vigilanza dove i diritti vengono negati, dove vi sono anomali controlli al personale e tanto altro ancora appositamente segnalato continuamente.

  Il risultato è stato quello che, di fronte a lapalissiane continue, gravi e pervicaci violazioni di Legge, sindacali e dei diritti dei Lavoratori il Sindacato è stato costretto a rivolgersi al Ministro dell’Interno e a quello del Lavoro.

  Si è arrivati anche al punto che le Guardie Giurate che aderiscono a questa sigla sindacale, sembra, vengono vessati quasi a volere che producano le disdette.

  La situazione è giunta in un punto gravissimo dove, anche i riposi dei lavoratori vengono gestiti dagli Istituti di Vigilanza.

  Addirittura, quasi come in un film di azione, è giunta anche la segnalazione che due Marescialli “rambo” vanno ad effettuare i controlli, con autoveicoli propri o addirittura aziendali privi di stemmi identificativi, in tutte le ore, alle G.p.G. in servizio alle varie postazioni “di soppiatto”,  con scavalcamenti delle mura dei cantieri, con abiti civili e alle quali vengono effettuate verifiche, ispezioni e “perquisizioni” che sono anche vere e proprie violazioni dei diritti umani.

  Di fronte a tutto quanto di grave sta accadendo, la Prefettura di Avellino, quale supremo garante dei diritti e del rispetto delle Leggi, ancora non agisce immediatamente ed urgentemente a tutela delle Guardie Particolari Giurate e dello stato di diritto.

  Sono giunte anche gravi segnalazioni dove in alcune Aziende all’atto dell’assunzione del personale, questo è stato costretto  a pagarsi le divise estive ed invernali, le visite mediche, il porto d’arma, il poligono, la pistola e tanto altro ancora dove sono anche sorti dubbi e interrogazioni su tutto questo.

  Il Sindacato attende, quindi, le determinazioni dei Ministeri interessati per le verifiche su tutto quanto reclamato per la rispondenza delle stesse.

  Il SIULC, in mancanza di effettivi riscontri, inizierà una serie di proteste democratiche affinchè l’opinione pubblica sia messa a conoscenza perché quel che accade è di una gravità inaudita e lascia meravigliati questo apparente immobilismo della Prefettura di Avellino per quel che i lavoratori stanno pesantemente subendo in determinate Aziende le quali consumano pesantissime violazioni, di Leggi, di prescrizioni Questorili, contrattuali e dei diritti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©