Provincia / Nola

Commenta Stampa

Ben otto giorni di sciopero nel solo mese di marzo

Avvocati in sciopero a Nola, "I giudici lavorano troppo"


Avvocati in sciopero a Nola, 'I giudici lavorano troppo'
24/02/2010, 11:02

NOLA (NAPOLI) - Uno dei leit-motiv più ripetuti negli ultimi tempi, quando il governo ha parlato dei giudici è stato che lavorano poco. Addirittura alcuni giornalisti come Maurizio Belpietro si sono inventati - e l'hanno detto in TV e sui giornali - che i giudici lavorano solo 4 ore al giorno. Ora invece si scopre che a Nola l'ordine degli Avvocati penalisti, appoggiati dall'Unione delle Camere Penali (cioè il sindacato degli avvocati) ha deciso un pacchetto di 8 giorni di sciopero perchè i giudici lavorano troppo. Sì, avete letto bene: lavorano troppo. Perchè hanno deciso di portare a termine rapidamente un processo contro la camorra, facendo quattro udienze la settimana. SI tratta di un processo abbastanza complesso, per il quale sono previste molte udienze; da qui la necessità della scelta dei giudici.
Ma la cosa non è andata giù agli avvocati, che hanno protestato, accusando i giudici di trasformare il processo in una finzione giuridica, nel problema del coordinare gli impegni in agenda degli avvocati (come se questo fosse un problema dei giudici, ndr) e l'impossibilità di procedere al controesame di testi e pentiti senza avere i verbali stenotipici (cioè i vebali integrali, parola per parola, delle udienze precedenti) che di norma sono disponibili solo dopo 48 ore dalla fine dell'udienza.
E' una situazione kafkiana, per non dire assolutamente assurda: mentre il governo inventa un provvedimento sul "processo breve", accusando i giudici di essere dei fannulloni che non lavorano, gli avvocati protestano e fanno sciopero se i giudici lavorano. Qualcuno può metterli d'accordo?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©