Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Bacoli, le spiagge militari ritornano libere


Bacoli, le spiagge militari ritornano libere
22/04/2013, 11:35

“Riconsegniamo le spiagge nelle mani della collettività, Bacoli vuole riprendersi i lidi militari”. Con questo slogan la popolazione bacolese guidata dai ragazzi di FreeBacoli, dal Comitato Spiagge Bene Comune e dai Consiglieri comunali di opposizione Josi Gerardo Della Ragione e Adele Schiavo ha portato avanti, negli ultimi anni, una forte mobilitazione popolare affinché venissero smilitarizzati i lidi in dotazione da decenni al Ministero della Difesa. E così dopo le tante manifestazioni di protesta popolare svoltesi lungo le strade e sulle spiagge di Bacoli, ora siamo finalmente ad una svolta per liberare definitivamente dai lidi militari parte degli arenile di Miseno e Miliscola i quali, soprattutto nell’ultimo decennio erano diventati praticamente inaccessibili per la collettività locale, nonostante gli sforzi delle varie Amministrazioni Comunali di stipulare accordi con i vertici militari al fine di garantire il libero accesso ai residenti. Infatti nel corso dell’ultima seduta, il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la richiesta di trasferimento al Comune di Bacoli degli stabilimenti balneari militari e delle aree connesse per la predisposizione di un Piano di Gestione degli arenili in linea con uno sviluppo armonioso ed ecocompatibile del territorio al fine di incrementare le opportunità occupazionali ed i tratti di spiaggia libera così come previsto dal Codice della Navigazione e dall’art.4 del Regolamento del Demanio Marittimo del Comune di Bacoli. La delibera impegna l’Amministrazione comunale a farsi promotrice presso il Ministero della Difesa e le sedi competenti della volontà espressa dal Consiglio Comunale, affinché tali beni possano entrare nelle disponibilità comunali. I Consiglieri Josi Gerardo Della Ragione e Adele Schiavo ai nostri microfoni hanno espresso tutta la loro soddisfazione per il risultato raggiunto in Consiglio comunale.

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©