Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Blitz dell’Arma, recuperata buona parte della refurtiva

Banda georgiani svaligiava abitazioni, 8 arresti a Caserta

Quattordici, complessivamente, i colpi messi a segno

.

Banda georgiani svaligiava abitazioni, 8 arresti a Caserta
01/07/2013, 12:12

CASERTA - Una banda di georgiani, specializzata in furti in abitazione, è stata smantellata dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Caserta. I militari hanno eseguito il decreto di fermo, emesso dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti degli indagati ritenuti responsabili di associazione per delinquere, furto in abitazione, possesso di documenti falsi, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco. La banda era specializzata in furti senza scasso. Riuscivano, infatti, a introdursi nelle case senza lasciare segni di effrazione sulle serrature. Le razzie, commesse in poco più di quattro mesi, hanno fruttato all'organizzazione un bottino quantificabile in circa 250mila euro. Nel corso dell'operazione è stata recuperata anche della refurtiva. L'indagine, che ha coperto un periodo tra febbraio e giugno 2013, ha avuto inizio con l'arresto di tre persone per furto in un'abitazione di Caserta. Successivamente, attraverso l'utilizzo di dispositivi gps e l'esame delle cosiddette 'celle', sono stati monitorati gli indagati fino ad arrivare alla ricostruzione dell'intera associazione responsabile di 14 furti in appartamento messi a segno tra Caserta, Napoli e Salerno. Il gruppo, che agiva nell'arco di tutta la giornata e soprattutto nelle ore notturne, si serviva di una squadra operativa composta da più persone con compiti diversi. Alcuni, infatti, erano incaricati di individuare, con accurati sopralluoghi, le abitazioni disabitate da svaligiare; altri fungevano da vedette, occupando posizioni strategiche nei dintorni degli obiettivi da 'colpire' e c'era poi chi si occupava dell'apertura materiale delle porte. Durante un colpo portato a segno nella provincia di Salerno, il gruppo si è anche impossessato di una pistola regolarmente detenuta dalla vittima. Sono ancora in corso indagini per accettare se la banda abbia commesso altri furti in Campania.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©