Provincia / Benevento

Commenta Stampa

Benevento, approvato regolamento consulta delle donne


Benevento, approvato regolamento consulta delle donne
27/09/2012, 15:42

Benevento, 27 settembre  2012 – Il Consiglio comunale di Benevento ha proceduto stamani all’approvazione all’unanimità (19 consiglieri presenti) del regolamento comunale della Consulta delle donne. La Consulta è un organo di partecipazione delle cittadine all’attività dell’ente ed è finalizzata alla valorizzazione delle fasce più deboli della popolazione e alla valorizzazione del ruolo delle donne nella società. Potrà promuovere indagini sulle esigenze delle donne e proporre miglioramenti e soluzioni innovative per il raggiungimento della parità dei ruoli. Sarà, infine, composta dalle donne elette nel Consiglio comunale e dalle rappresentanti delle associazioni cittadine, sindacali o operanti sui temi di genere e di pari opportunità nella città di Benevento.

Di seguito l’intervento del Presidente della Commissione consiliare Pari Opportunità, Floriana Fioretti:

"Il Reg. Consulta Donne dopo la sua approvazione in Comm.Formazione e Lavoro e Pari Opportunità e in Comm. Affari Istituzionali, completa il suo iter in Consiglio Comunale. Il Reg. è stato approvato all’unanimità da maggioranza ed opposizione ed è la prova del lavoro che le Commissioni quotidianamente svolgono così come disciplinato dall’art. 37 del Regolamento del Consiglio Comunale. Ho ritenuto opportuno portare il testo in Commissione Formazione e Lavoro, pur non essendone il Presidente, perchè unica donna componente della stessa e per dare un segnale di vicinanza alle tante donne che quotidianamente vivono e lavorano nella nostra città, avviando insieme a tutte loro, un percorso di riflessione e analisi che porti alla costruzione di proposte che guardino in particolar modo alle donne, viste come soggetto di cambiamento. La Consulta delle Donne vuole essere un organismo di interlocuzione delle donne impegnate nel difficile compito del governo della città con le altre donne ed intende, in questo senso, aprirsi ad un dialogo diretto con le cittadine, al fine di dare una diversa organizzazione ai luoghi, agli spazi ed ai tempi della città, facendo leva su tutte le risorse, creando interazioni e contaminazione tra le stesse. La Consulta delle Donne è finalizzata alla promozione della partecipazione femminile, alle decisioni, all’azione e al funzionamento dell’Amministrazione Comunale ed apre la strada ad un processo partecipato sul territorio con il mondo sindacale ed associativo. La Consulta è composta sia da donne elette in Consiglio Comunale sia da donne  rappresentanti delle Associazioni cittadine, sindacali o operanti su temi di genere e di pari opportunità nella città di Benevento. E’ pertanto un organismo consultivo e propositivo dell’Assessorato alle Pari Opportunità e deve elaborare strategie volte a rispondere ai bisogni più urgenti che le donne ci propongono. In particolare persegue le seguenti finalità: valorizzare la presenza, la cultura e l’attività delle donne nella società e nelle istituzioni; sostenere le pari opportunità nel lavoro, nella politica e nella società; promuovere interventi contro tutte le forme di esclusione e di violenza verso le donne e azioni volte alla salvaguardia della salute e del benessere delle donne, anche coordinandosi con altre istituzioni presenti sul territorio; sensibilizzare l’opinione pubblica ad una maggiore partecipazione delle donne alla vita pubblica; offrire spazio al talento femminile, con la pubblicazione di testi letterari e poetici, immagini artistiche, e informazioni di rilevanza sociale, culturale e politica. L'obiettivo finale è e rimane quello di lanciare idee, proposte, esperienze e azioni nuove che ci aiutino a dare un segnale di cambiamento. E’ necessario che tutti i segmenti istituzionali promuovano la presenza femminile nei centri decisionali della vita sociale, politica ed economica, non solo con norme ed atti amministrativi, ma anche sostenendone i processi di crescita, di valorizzazione delle abilità e delle competenze delle donne. Occorre tener conto delle peculiarità del contesto cittadino e focalizzare l’attenzione su alcune aree di intervento: occupabilità, cura, competenze, violenza, sicurezza, differenze, genere, generazioni e governance. Vogliamo costruire una città a misura di donne e di uomini attraverso politiche di equità e di genere. Insomma il punto sul quale dibattiamo oggi non è più soltanto quello di dare alle donne le stesse possibilità di accesso degli uomini, ma è costruire il contesto al quale accedere ripensandolo a misura di donne e di uomini. Questo significa passare da una parità formale ad una parità vera e sostanziale, che metta davvero le donne nelle condizioni di scegliere liberamente il proprio percorso di vita. Pertanto l’invito che rivolgo all’Assessore alle Pari Opportunità è quello di avviare quanto prima le modalità di elezione, insediamento e funzionamento della Consulta perchè il nostro cammino verso la democrazia paritaria è solo iniziato."

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©