Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Granato relaziona la nuova disposizione finanziaria

Bilancio quartese: tra aumenti e disapprovazioni


Bilancio quartese: tra aumenti e disapprovazioni
15/07/2010, 15:07

QUARTO - La seduta-fiume dedicata alla discussione ed all’approvazione del bilancio di previsione 2010 si è aperta con uno scambio di accuse politiche reciproche tra i consiglieri della maggioranza di centrosinistra ed i loro colleghi dell’opposizione di centrodestra.
E’ toccato, invece, all’assessore al Bilancio Antonio Granato, tracciare le linee guida del documento finanziario 2010.
«La proposta di approvazione del bilancio arriva dopo una lunga e proficua fase di consultazione e di informazione – ha detto in aula Granato – Questo bilancio è anche una sorta di consuntivo dei primi tre anni di giunta Secone.
Negli ultimi tre esercizi finanziari abbiamo rispettato il Patto di stabilità e già questo è indice di una importantissima inversione di tendenza nella gestione dei conti pubblici. C’era lo spettro della dichiarazione di dissesto, ma noi abbiamo lavorato sodo, raddrizzando una brutta china. In questo bilancio c’è una notizia positiva per le migliaia di imprenditori e fornitori del Comune, visto che i tempi di liquidazione delle fatture passano dagli attuali 24 mesi a 15 mesi e contiamo di ridurli ulteriormente agli inizi del 2011.
Per quanto riguarda la Tarsu, poi, abbiamo dovuto ritoccarla per le variazioni imposte dalla Provincia di Napoli, ma c’è un leggero aumento del 10 per cento per le famiglie, mentre aumenti considerevoli li abbiamo previsti per banche, studi medici e professionali, stazioni della Sepsa, insomma coloro che hanno maggiori introiti, in modo da non gravare sui cittadini di Quarto.
Quest’anno, poi, vi è stato un grosso risparmio dovute alla riduzione delle spese per le somme urgenze - prosegue l'assessore Granato - Tale novità positiva è certamente dovuta ad una maggiore attenzione mostrata in tal senso e ad una chiara linea dettata dall’assessore ai Lavori pubblici, ma tale linea di fermezza e risparmio dovrà essere mantenuta costante nel tempo, altrimenti si rischia di vanificare gli ottimi risultati raggiunti finora con enormi sacrifici. Per quest’anno, inoltre, abbiamo ottenuto anche 4 nuovi mutui per la ripavimentazione stradale, la ristrutturazione della scuola elementare Saverio Gentile e per la manutenzione straordinaria delle scuole medie ed elementari. Questa linea di fermezza e rigore nei conti pubblici continuerà anche per i prossimi 2 anni».
Critici i consiglieri del Popolo della Libertà, che hanno preannunciato il loro voto contrario, come l’Udeur ed i Verdi, mentre a favore si sono dichiarati Pd, Udc, Sinistra e Libertà, Sinistra unita e Gruppo misto.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©

Correlati