Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

Bobbio: rilancerò il turismo


Bobbio: rilancerò il turismo
07/03/2010, 19:03

CASTELLAMMARE DI STABIA – «Castellammare di Stabia deve tornare alla sua grande vocazione turistica, abbandonando il sentiero delle esperienze rivelatesi totalmente o parzialmente fallimentari come il Crowne Plaza, con decine di dipendenti sull’orlo del licenziamento, e Marina di Stabia, che non ha rappresentato quel volano di sviluppo per la città che ci si aspettava».
Lo ha detto il candidato sindaco del centrodestra a Castellammare di Stabia, Luigi Bobbio, a margine di un incontro con gli imprenditori del settore balneare.
«Ascoltare il sindaco parlare di rilancio del territorio, di occupazione e di programmi», ha aggiunto l’ex pm Antimafia, «mi farebbe sorridere, se non ci fossero i drammi di centinaia di lavoratori e di famiglie ormai sul lastrico. Vozza ha derubato della speranza la nostra città; non c’è una sola iniziativa, che porti la sua firma, che abbia avuto successo, in questi anni. L’unico incentivo all’occupazione che gli posso riconoscere è stato il continuo turn-over in Giunta, che ha fatto e disfatto non ricordo più quante volte, offrendo a tutti la possibilità di vivere un mese da assessore». «La nostra economia non può dipendere solo dalle commesse della cantieristica navale, che pure rappresenta un valore aggiunto per Castellammare», ha detto Bobbio, «ma deve poggiare su basi più vicine alla nostra tradizione. Uno dei primi provvedimenti che adotterò, una volta insediatomi a Palazzo Farnese, sarà lavorare, di concerto con Regione e Governo, alla creazione di una nuova filiera turistica locale. Abbiamo le risorse, il termalismo, la balneazione, l’archeologia e l’enogastronomia, per allestire un unico pacchetto da proporre ai grandi tour operator mondiali. Ma per riuscire in quest’obiettivo», ha concluso Bobbio, «bisogna subito ripristinare un accettabile livello di qualità della vita della nostra città e quindi lavorare anche alla sua immagine internazionale».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©