Provincia / Casoria

Commenta Stampa

Bombe a Casoria, il sindaco incontra il prefetto


Bombe a Casoria, il sindaco incontra il prefetto
06/03/2014, 14:58

CASORIA (NA) -

Ieri mattina Vincenzo Carfora, sindaco di Casoria, comune a nord di Napoli, ha incontrato i responsabili dell’ associazione “Libera contro le mafie”, in merito ai due ordigni fatti esplodere pochi giorni fa in due agenzie di pompe funebri sempre a Casoria ed alla bombola di gas incendiata in una yougurteria di Arzano, comune confinante. Il primo cittadino Crafora ha dichiarato che “l’ amministrazione comunale di Casoria non può tollerare episodi di criminalità nei confronti di aziende che hanno deciso di investire seguendo la via della legailtà nel nostro territorio. E’ nota a tutti la battaglia intrapresa dall’ amministrazione nel liberalizzare il mercato delle imprese funebri in linea con quanto previsto dalle normative nazionali e regionali.” Gli atti intimidatori, secondo la Giunta guidata da Carfora, vanno combattuti con la forza della politica ma soprattutto con la forza delo Stato, che deve far sentire la sua presenza attraverso l’ azione costante esercitata dalle forze dell’ ordine. “Ho provveduto a contattare personalmente il Prefetto di Napoli per chiedere un immediato incontro, non solo per l’ episodio delle due bombe, ma anche per contrastare il perpetuarsi di atti criminali in città – ha detto il sindaco di Casoria che poi ha aggiunto – C’ è bisogno di un maggiore presidio del territorio da parte delle forze di polizia, lo Stato deve far sentire la propria presenza.” Il primo cittadino chiede dunque l’ intervento costante dello Stato per combattere che illecitamente porta avanti il racket delle pompe funebri.

Per quanto concerne invece l’ esplosione dei due ordigni di via Salvatore Di Giacomo e di via Gugliemo Marconi, sono in corso le indagini dei carabinieri.

Commenta Stampa
di Giovanni Concas
Riproduzione riservata ©