Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Caliendo rassicura Secone: a Quarto nessuna discarica

Al Comune continua la mobilitazione dei cittadini

Caliendo rassicura Secone: a Quarto nessuna discarica
14/01/2011, 15:01

QUARTO (NA) - Grande apprensione e non poche tensioni hanno creato nella cittadina flegrea le indiscrezioni di stampa secondo cui il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, avrebbe individuato a Quarto la zona nella quale realizzare una nuova discarica al servizio della città di Napoli e della zona dei Campi Flegrei. Dopo aver espresso nei giorni scorsi il suo «vivo stupore» e la «profonda e totale contrarietà ad una ipotesi del genere», il sindaco di Quarto, Sauro Secone, ha contattato gli uffici provinciali e l’assessore provinciale con delega all’Ambiente, Giuseppe Caliendo, che ha voluto rassicurare il primo cittadino quartese. «L’assessore Caliendo mi ha detto che le indiscrezioni apparse sulla stampa sono del tutto infondate e dunque la discarica a Quarto non si farà – sottolinea il sindaco Secone – Avevamo chiesto al presidente Luigi Cesaro di smentire ufficialmente questa voce, ma le parole di Caliendo ci hanno rassicurato non poco». La notizia della ipotetica localizzazione sul territorio di Quarto di una discarica aveva, infatti, già infiammato gli animi, come sottolineato anche dall’assessore all’Ambiente Vincenzo Biondi. «I nostri concittadini sono allarmati da questa voce che è circolata nelle ultime ore e noi siamo nettamente contrari a questa soluzione – ribadisce l’assessore Vincenzo Biondi – Al Comune di Quarto continua in queste ore il via vai di cittadini che chiedono chiarimenti in merito, chiedendoci di esprimere la nostra netta contrarietà alla ipotesi. Le dichiarazioni dell’assessore provinciale Caliendo rilasciate al sindaco Secone ci rassicurano non poco, anche perché la scelta di Quarto come sede di discarica sarebbe stata inopportuna per tanti motivi, come hanno ben evidenziato anche le associazioni di volontariato, attraverso un volantino di protesta».



Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©