Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Box ripuliti e ripresa distribuzione acqua e cibo ad animali

Canile municipale, allarme rientrato: riaperto dall’Asl

Del Gaudio: "A breve un bando per l’affidamento a terzi"

.

Canile municipale, allarme rientrato: riaperto dall’Asl
12/03/2014, 11:15

CASERTA – In poco meno di 24 ore, dopo il provvedimento di chiusura dell’Asl, la situazione al canile municipale di Caserta è tornata alla normalità. Complice un sopralluogo effettuato dai tecnici del Comune, unitamente al personale dell’Unità operativa veterinaria dell’Asl, ai carabinieri ed agli attivisti dell’Enpa (ente nazionale protezione animali). La struttura resta, dunque, aperta e l’allarme è rientrato, giacché ai volontari dell’associazione “Nati Liberi” è stato consentito l’accesso ai box, in un primo momento vietato dall’Asl per gravi carenze sotto il profilo igienico-sanitario. In pratica, il canile è stato ripulito ed è ripreso il rifornimento di acqua e cibo agli animali ospitati (280 cani e 40 gatti); rifornimento che, nel fine settimana trascorso, si era interrotto giacché l’unico custode comunale in servizio, a causa della mancata corresponsione dello stipendio e la mancata assegnazione di risorse per la gestione spicciola della struttura, aveva deciso di incrociare le braccia in segno di protesta. Nessun sequestro è stato operato dai carabinieri, ed è arrivata, in una nota a firma del sindaco Del Gaudio, la conferma che i problemi evidenziati durante l’ispezione effettuata il 10 marzo dall’Asl erano stati tempestivamente risolti. Così come è arrivato l’annuncio che, a breve, ci sarà la pubblicazione di un bando per l’assegnazione del canile municipale, in modo da risolvere la questione sul piano burocratico-amministrativo. “La risoluzione immediata della vicenda, emersa anche grazie all’interessamento del consigliere comunale Ferdinando Piscitelli che ringrazio – ha spiegato l’assessore competente, Stefano Mariano – dimostra quanto resti alta l’attenzione della nostra Amministrazione sul canile municipale e su tutte le tematiche relative alla tutela degli animali”. Riaperto, pertanto, il dialogo tra l’associazione “Nati Liberi” e l’amministrazione comunale per risolvere la situazione molto difficile del canile. Ora si attende che l’Asl comunichi al Comune ed ai volontari le prescrizioni, ovvero le modalità per il mantenimento delle condizioni di agibilità.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©

Correlati