Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Centoventi lavoratori in mobilitazione permanente

Cantieri Navali di Baia, i lavoratori incrociano le braccia

Da tre mesi non percepiscono stipendio

.

Cantieri Navali di Baia, i lavoratori incrociano le braccia
24/01/2012, 10:01

Non bastano le manovre cosiddette di macelleria sociale con l’impressionante e incontrollato aumento del costo della vita ad impoverire giorno dopo giorno il popolo italiano. Ad accentuare la crisi ci sono anche i mancati pagamenti di stipendi, licenziamenti e paventati rischi di perdere il posto di lavoro per milioni di italiani. Nel Comune di Bacoli da una decina di giorni i lavoratori di due storici cantieri navali gestiti da grosse aziende, i “Cantieri di Baia” e i “Cantieri Postiglione”, hanno dichiarato assemblea permanente denunciando mancati pagamenti dei propri stipendi fin dal mese di ottobre 2011. Ai “Cantieri di Baia” sono oltre cento i lavoratori senza stipendio che hanno deciso di incrociare le braccia e di far sentire la loro voce in quanto ormai da tempo vivono una condizione economica che è dir poco definire precaria se pensiamo che chi riceve puntualmente lo stipendio ormai difficilmente riesce ad arrivare a metà del mese. Lavoratori sull’urlo di una crisi esistenziale come si può capire dalle dichiarazioni che hanno rilasciato ad Alessandro Parisi di Free Bacoli. “Restare senza stipendio per 3 mensilità più tredicesima ha portato noi dipendenti oltre il limite della nostra capacità di sopravvivenza. Abbiamo pigioni da pagare e famiglie da portare avanti , è impossibile continuare così. E questo dopo molti ‘sacrifici’ per l’azienda, perché gli ultimi anni non sono stati sicuramente facili”, commentano i lavoratori in sciopero. La mobilitazione è permanente anche presso i “Cantieri Postiglione” dove i lavoratori vivono lo stesso dramma dei colleghi dei “Cantieri di Baia”, anche qui le stesse difficoltà, lo stesso sconforto. Sulla lotta dei lavoratori bacolesi è duramente intervenuto il Consigliere comunale di opposizione Josi Gerardo Della Ragione che ci ha dichiarato: “Sono assolutamente da condividere, supportare e appoggiare le manifestazioni portate avanti in questi giorni dai lavoratori dei “Cantieri di Baia” e di “Cantieri Postiglione” che da ben quattro mesi non ricevono lo stipendio. Si spera che l’intera cittadinanza di Bacoli possa sostenere attivamente queste manifestazioni partecipando ai presidii e ai cortei che potrebbero svilupparsi in questi giorni.

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©