Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Misura per Nuzzo, svaligiò anche gioielleria di Arienzo

Carabiniere ucciso, nuova ordinanza per uno dei rapinatori

Maddaloni, riconosciuto da foto e video autore di blitz

.

Carabiniere ucciso, nuova ordinanza per uno dei rapinatori
04/07/2013, 11:19

MADDALONI - Ci sono nuovi e importanti sviluppi nell’inchiesta, condotta dal sostituto procuratore Carlo Fucci e coordinata dall’aggiunto Luigi Gay, sulla sanguinosa rapina ai danni della gioielleria di via Ponte Carolino a Maddaloni, avvenuta il 27 aprile scorso. Una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere, con l’accusa di rapina aggravata dall’uso delle armi, è stata infatti emessa dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di Rosario Esposito Nuzzo, 20 anni, già detenuto presso la casa circondariale di Benevento poiché accusato di aver fatto parte del commando che quel sabato pomeriggio entrò in azione nella gioielleria “Ogm” e fece fuoco contro i carabinieri intervenuti, freddando l’appuntato scelto Tiziano Della Ratta. L’indagine, condotta dai militari della compagnia di Maddaloni, nel mese di maggio 2013, ha consentito di accertare, attraverso il riconoscimento fotografico e la successiva individuazione da parte del gioielliere che aveva subito la rapina il 27 aprile scorso, l’identità del destinatario del provvedimento restrittivo che, insieme ad altri tre rapinatori, tuttora in corso di identificazione, il 21 dicembre del 2012 avrebbe messo a segno un’altra rapina ai danni, stavolta, della gioielleria “Venere” di Arienzo.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©