Provincia / Cardito

Commenta Stampa

Cardito, nasce il comitato per l’impresa, il commercio e l’artigianato


Cardito, nasce il comitato per l’impresa, il commercio e l’artigianato
25/01/2011, 15:01

CARDITO – Costituito il Comitato d’Impresa per il Commercio e l’Artigianato Locale. Ottanta gli esercizi commerciali che fin’ora hanno firmato il protocollo d’intesa e nominato quale loro rappresentante Raffaele Mugione – giornalista ed esperto di strategie commerciali e marketing- che opererà unitamente a dieci delegati del settore. E' la prima volta che tanti commercianti si uniscono per relazionarsi direttamente con il Comune di Cardito per esercitare lo loro facoltà di “main stakeholders” del sistema economico locale.

Preoccupati per la forte crisi del settore che, a livello locale, si aggrava per mancanza di infrastrutture, servizi e, soprattutto, di un adeguato progetto di sviluppo, gli esercenti si sono posti in un atteggiamento propositivo e di cooperazione con l'Ente Comunale. La crisi del settore nel comune di Cardito è reale e tangibile basti pensare che oltre il 70% dei vani commerciali del centro storico sono vuoti e si assiste inermi alla chiusura, giorno dopo giorno, degli esercizi storici.

I delegati dei commercianti hanno già tenuto un primo soddisfacente incontro con il primo cittadino, Giuseppe Barra, al quale - in un documento programmatico di sette pagine - hanno esposto le problematiche del settore prospettando, punto per punto, proposte per lo sviluppo commerciale e turistico-culturale della cittadina che rischia, in mancanza di un’azione programmatica, di collassare.

“Il documento delle problematiche del Commercio Locale Cardito”, redatto dal neo comitato e che affronta questioni dolenti come la viabilità, la sosta, le infrastrutture, i servizi e soprattutto la sicurezza, è stato anche inoltrato agli assessori al Commercio e alla Viabilità Andreina Raucci e Luigi Iorio, al presidente del Consiglio Comunale e al neo comandante della Polizia Municipale di Cardito Alfonso Saviano, affinché vogliano adoperarsi mettendo in atto Azioni, Strategie e Politiche adeguate.

Commercianti e artigiani mettono così a disposizione della municipalità risorse e know out, nel comune interesse di ripristinare ordine, legalità e contribuire alla promozione e allo sviluppo di Cardito.

Di seguito, in sintesi, i punti salienti del piano sottoposto all’Amministrazione Comunale:

PIANO VIABILITA' E SOSTA VANNO A DANNO DEL COMMERCIO LOCALE che necessita anche di un circuito forzato per la visualizzazione di strutture e scambio della clientela;

AREE SOSTA E CONTRAVVENZIONI per le quali è necessario, in primis, creare servizi e infrastrutture adeguate e istruire la cittadinanza; aree sosta a tempo dedicate per esercizi a maggior frequenza di clientela (farmacie, bar, etc);

AREE ESPOSITIVE ESTERNE AI NEGOZI per le quali gli esercenti sono in attesa di una regolamentazione che si auspica sia ricca di incentivi e promozioni;

LOCALI COMMERCIALI VUOTI: urge una ristrutturazione degli edifici fatiscenti che riqualifichi il centro storico, anche sotto il profilo urbanistico, e una adeguata politica di incentivi per gli imprenditori;

SICUREZZA SUL TERRITORIO: sistemi di sicurezza e sorveglianza con dispositivi antirapina ma soprattutto maggior presenza di forze dell’ordine sul territorio con l’istituzione del “poliziotto di quartiere”;

PROMOZIONE DELLA CITTADINA E DELLE ATTIVITA' COMMERCIALI E ARTIGIANALI ;

VARO DEL NUOVO PIANO COMMERCIALE INTEGRATO.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©