Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Nell’ambito del processo per gli omicidi dell’ala stragista

Casalesi, ergastolo per il killer Setola ed i suoi affiliati

Richieste durissime dei pm della Dda, la sentenza c’è il 21

.

Casalesi, ergastolo per il killer Setola ed i suoi affiliati
14/06/2013, 10:28

CASAL DI PRINCIPE - Ergastolo per il capo della ala stragista del clan dei Casalesi, Giuseppe Setola, e per i suoi affiliati. Questa la richiesta di pena avanzata dai pubblici ministeri della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, Alessandro Milita e Cesare Sirignano, al termine della requisitoria del processo che ha ricostruito sei omicidi commessi nei nove mesi di terrore, che vanno dall’aprile del 2008 fino al gennaio del 2009) in cui il clan dei Casalesi aveva ucciso 18 persone. La pena del carcere a vita è stata richiesta ai giudici della corte di Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presidente Maria Alaja, anche per Alessandro Cirillo, alias ‘o sergente, Giovanni Letizia e per Davide Granato. Quest’ultimi sono accusati di aver preso parte materialmente agli omicidi: di Umberto Bidognetti (padre del collaboratore di giustizia Domenico e cugino del boss Francesco, alias Cicciotto e’ mezzanotte); di Stanislao Cantelli (il pensionato ucciso nel settembre 2008 mentre giocava a carte in un circolo, solo perché era lo zio di un pentito); Kazaki Daniel, Doda Ramis e Lorenzo Riccio di Giugliano in Campania e Antonio Celiento di Baia Verde. Le discussioni degli avvocati, tra gli altri, Giuliana Lombardi, Angelo Raucci e Elena Schiavone, inizieranno il 18 giugno, mentre la sentenza è prevista per il prossimo 21 giugno.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©