Provincia / Caserta

Commenta Stampa

L’agguato di camorra avvenne nel settembre del 2001

Casalesi, faida tra fazioni: identificati killer omicidio Panaro

Ordinanze in carcere per tre affiliati ai bidognettiani

.

Casalesi, faida tra fazioni: identificati killer omicidio Panaro
12/01/2013, 11:11

CASAL DI PRINCIPE - Sono stati identificati dai carabinieri i tre killer di un omicidio avvenuto nel settembre 2001 a Casal di Principe, nell’ambito della faida di camorra fra la fazione Bidognetti del clan dei Casalesi ed il gruppo antagonista dei Cantiello. I tre, tutti già in carcere e parenti fra loro, sono accusati di aver ucciso, a colpi di pistola di vario calibro, Francesco Panaro, detto "o scagnato", dopo averlo bloccato a bordo di una Fiat Punto nel centro di Casal di Principe. Ma procediamo con ordine. Ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state notificate a Franco Letizia, di 35 anni, detenuto all’Aquila, e a suo cugino Giovanni, di 33 anni, detenuto a Milano, ritenuti gli esecutori materiali del delitto. Ordinanza anche per Gaetano Pagano, zio di Franco Letizia, che - secondo l’accusa - mise a disposizione un proprio immobile dove i due killer si nascosero e da dove partirono per compiere l’agguato; Pagano è detenuto a Santa Maria Capua Vetere. Il delitto, al quale partecipò anche un altro camorrista, poi diventato collaboratore di giustizia, ovvero Luigi Guida, fu organizzato ed eseguito, il 10 settembre 2001, per riaffermare la supremazia della fazione Bidognetti del clan dei Casalesi nei confronti del gruppo antagonista dei Cantiello, costituitosi all’indomani dell’arresto del capo, Francesco Bidognetti, alias “Cicciotto e’ mezzanotte”. Qualche mese prima di essere ucciso, Francesco Panaro era sfuggito ad un altro agguato al quale avevano partecipato gli stessi cugini Letizia ed altri due killer, poi diventati anche loro collaboratori di giustizia.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©