Provincia / Caserta

Commenta Stampa

“Vengo tirato in ballo per fatti che non ho commesso”

Casalesi, il boss Schiavone chiede di parlare con il pm -video

Atti trasmessi alla Dda, dopo il via libera del giudice

.

Casalesi, il boss Schiavone chiede di parlare con il pm -video
24/01/2014, 10:18

CASAL DI PRINCIPE – “Sono disponibile a parlare con il pubblico ministero, poiché sono stufo di essere tirato in ballo da tutti per fatti che non ho commesso. Voglio spiegare la mia estraneità ai fatti”. A parlare così, durante l’udienza del processo “Ammutinato più 60”, è stato Francesco Schiavone, soprannominato “Sandokan”, capo storico del clan camorristico dei Casalesi, recluso al regime del 41 bis in un carcere di massima sicurezza del nord Italia. Per la cronaca, era dai tempi del processo “Spartacus I”, celebrato davanti alla Corte d’Assise in quel di Santa Maria Capua Vetere, che il superboss non chiedeva la parola durante un’udienza. Adesso ha deciso di rompere il silenzio che si era imposto e dal carcere di massima sicurezza dove si trova ristretto ha spiegato di voler rendere delle dichiarazioni spontanee ai magistrati. Ma dopo la sua richiesta il pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, Maurizio Giordano, ha chiesto la trasmissione del verbale di udienza alla Procura competente; il giudice del dibattimento, Gianpaolo Guglielmo, ha dato il via libera alla relativa trasmissione. Arrestato una prima volta nel 1990, e poi l’11 luglio del 1998, in un bunker costruito appositamente per lui nella sua città natale, Casal di Principe, Schiavone è stato condannato in via definitiva all’ergastolo con l’accusa di “associazione di tipo mafioso”. Attualmente, come si diceva, per i reati di camorra da lui commessi ed a lui contestati, è sottoposto al regime carcerario speciale previsto dall’articolo 41 bis della legge sull’ordinamento penitenziario. In casa di Schiavone, all’atto del suo arresto, furono rinvenuti dipinti di sua realizzazione e moltissimi libri, fra cui diverse opere su Napoleone Bonaparte.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©