Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Operazione della Dia di Napoli, valore 90mln di euro

Casalesi, maxi-confisca di beni tra Lazio e Campania

Venti società e 114 conti correnti riconducibili al clan

Casalesi, maxi-confisca di beni tra Lazio e Campania
14/01/2013, 10:11

CASAL DI PRINCIPE - La Dia di Napoli, su disposizione del Tribunale di Frosinone, ha confiscato beni per oltre 90 milioni di euro nel Lazio ed in Campania a personaggi contigui al clan dei Casalesi. Si tratta della più grossa confisca ai danni delle organizzazioni camorristiche. La confisca segue il sequestro dei beni ottenuto dai magistrati un anno fa, grazie alle indagini degli uomini del capo centro Maurizio Vallone. I personaggi colpiti dal decreto erano attivi nel Lazio per conto dei Casalesi, poi quando il clan ha cominciato a indebolirsi, questi si sarebbero messi in proprio. L’attività prevalente da loro condotta era quella di gestione delle concessionarie d’auto, tra le più attive nel frusinate. L’operazione della Dia conclude l’attività investigativa che, nel marzo del 2011, portò al sequestro dei beni dei pregiudicati Gennaro De Angelis, Aladino Saidi e Antonio Di Gabriele, contigui al clan dei Casalesi. L’operazione, denominata “Verde Bottiglia”, prende il nome dal fatto che fu regalata al capoclan Francesco Schiavone, alias 'Sandokan', una Jaguar di colore verde bottiglia dal suo referente nel basso Lazio, De Angelis. Fatto emerso dai resoconti di alcuni collaboratori di giustizia tra cui Domenico Bidognetti, elemento di vertice del clan e luogotenente di Francesco Bidognetti, alias “Cicciotto e’ mezzanotte”. Fra i beni confiscati vi sono venti società, beni strumentali, immobili, mobili registrati, due ditte individuali, 26 fabbricati, 28 terreni, 19 veicoli tra cui tre Ferrari e 114 conti correnti, depositi e rapporti finanziari. I beni erano già stati sequestrati, il 15 marzo del 2011, a Gennaro De Angelis, 69 anni, di Casal di Principe, ad Aladino Saidi, 35 anni di Sora, e ad Antonio Di Gabriele, 67enne di Crispano. I beni si trovano a Castrocielo (Frosinone), Cassino (Frosinone), Campoli Appennino (Frosinone), Sora (Frosinone), Arce (Frosinone), Rocca di Mezzo (L'Aquila), Gaeta (Latina), Arpino (Frosinone) ed a Roma.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©