Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Il capo dell'ala stragista al 41 bis da gennaio 2009

Casalesi, nuova imputazione per il boss Giuseppe Setola

Scarica l'allegato

L'ex primula rossa accusata anche di tentato omicidio

.

Casalesi, nuova imputazione per il boss Giuseppe Setola
13/11/2012, 12:10

CASAL DI PRINCIPE - Nuove accuse per il capo dell'ala stragista dei "Casalesi" Giuseppe Setola detto ‘o cecato’, attualmente detenuto in regime di 41 bis. Secondo i carabinieri, il boss è il mandante di un duplice tentativo di omicidio di 2 estorsori della cosca, colpevoli di aver riscosso e intascato il 'pizzo' invece di versarlo nelle casse del clan. Con Setola sono indagati altri 3 affiliati al gruppo Bidognetti dei Casalesi. Sono accusati di tentativo di duplice omicidio e detenzione illegale di armi aggravati dal metodo mafioso. L’importante operazione, in corso dalle prime ore dell’alba da parte della Compagnia dei carabinieri di Casal di Principe e coordinata dalla Dda di Napoli , ha consentito infatti di individuare il Setola quale mandante di un agguato programmato, ma mai realizzato, a Villa di Briano in danno proprio di due affiliati che si erano appropriati di denaro del clan acquisito con attività estorsive. L’ex primula rossa dei Casalesi fu catturato nel gennaio del 2009 a Mignano Montelungo, nel Casertano, in una casa diroccata dove si era rifugiato due giorni prima quando era sfuggito al tentativo di arresto scappando attraverso le fogne. Da allora è rinchiuso nel carcere duro di Opera a Milano.


AGGIORNAMENTO ORE 13.45
Nel file allegato i dettagli dell'operazione così come documentato dalla nota ufficiale della Procura della Repubblica. 

Commenta Stampa
di Daniela Volpecina
Riproduzione riservata ©