Provincia / Caserta

Commenta Stampa

San Cipriano d’Aversa, su disposizione dei pm della Dda

Casalesi, tentata estorsione: fermato figlio boss Martinelli

Il padre, Enrico, fedelissimo di Iovine, è recluso al 41bis

.

Casalesi, tentata estorsione: fermato figlio boss Martinelli
08/06/2013, 09:44

SAN CIPRIANO D’AVERSA – E’ stato fermato per tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso, Emilio Martinelli, 23 anni, figlio di Enrico Martinelli, boss della fazione Iovine del clan dei Casalesi, attivo nel comune di San Cipriano d’Aversa. Ad eseguire il fermo, disposto dai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, sono stati gli agenti della squadra mobile di Caserta che hanno notificato il provvedimento al giovane. Tutto inizia dalle indagini che hanno condotto alla cattura di Antonio Iovine, detto “o’ ninno”, capo assoluto del clan, e, prima di lui, di due suoi fidati galoppini: Ernesto De Luca e Enrico Martinelli. Quest’ultimo, omonimo del sindaco, è definito “un boss di antica tradizione criminale, capace di gestire gli affari del clan, per conto del capo, con autonomia decisionale”. L’informativa antimafia, allegata ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, menziona la perquisizione avvenuta nel maggio 2010, alla ricerca di Iovine, in un’abitazione a Casal di Principe nella quale viene ritrovato un bunker e sequestrata una macchina da scrivere elettronica. Dagli esami dattiloscopici e grafici eseguiti dalla scientifica emerge che l’autore del testo estrapolato è il boss Enrico Martinelli. L’informativa evidenzia diversi “pizzini” scritti dal boss, oggi detenuto in regime di 41 bis e condannato all’ergastolo nella sentenza Spartacus per omicidio e partecipazione all’associazione criminale clan dei Casalesi. Uno dei “pizzini”, il numero 7, ha un destinatario che conta. “Indirizzato al sindaco di San Cipriano d’Aversa, Enrico Martinelli”. Da qui le indagini che hanno travolto l’ex sindaco di San Cipriano d’Aversa e, oggi, il figlio del boss, Emilio, che aveva intrapreso la stessa carriera criminale del padre.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©