Provincia / Ischia

Commenta Stampa

Aveva dovuto rinunciare per mancanza di fondi pubblici

Casamicciola, riprese le terapie al DHC per la disabile


Casamicciola, riprese le terapie al DHC per la disabile
18/10/2011, 10:10

Nei giorni scorsi con le nostre telecamere avevamo acceso i riflettori su una storia molto triste, quella di Raffaella, una ragazza disabile che vive su di una sedia a rotelle e che era stata costretta a fare a meno delle terapie presso il DHC in quanto il comune di Casamicciola le aveva chiesto di pagare ventuno euro al giorno, come ci aveva dichiarato papà Enrico. Una richiesta, quella del Comune, che fece scattare la scintilla della protesta civile e dignitosa messa in atto dalla famiglia Perrecchia sotto il Municipio di Casamicciola da dove minacciarono di non muoversi se il problema non fosse stato risolto. E così a poche ore dall'inizio della protesta della famiglia Perrecchia, l'Amministrazione comunale di Casamicciola probabilmente paventando anche un putiferio mediatico, corse immediatamente ai ripari e il Sindaco Vincenzo D'Ambrosio ci assicurò che si sarebbero attivati per far rientrare tutto nella normalità. E infatti a circa dieci giorni di distanza, con un comunicato stampa il Primo cittadino casamicciolese ha annunciato l’avvenuta soluzione del problema confermandocela anche in diretta telefonica. “Come avevamo preannunciato nei giorni scorsi, ha dichiarato Vincenzo D’Ambrosio, da oggi Raffaella Perrecchia è ritornata al DHC per curarsi senza nessun aggravio di costo per la famiglia, facendosi carico dei costi previsti da questo tipo di assistenza il Comune di Casamicciola attraverso l’Ufficio di Piano. Alla famiglia toccherà pagare la somma di compartecipazione minima che già pagava prima. Quindi penso che il problema sia stato brillantemente risolto con ampia soddisfazione da parte di tutti”, ha concluso D’Ambrosio. L’augurio, naturalmente, è che tutte le storie come quella di Raffaella possano avere un lieto fine.

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©