Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Cresce il malcontento nel cuore del Rione Toiano

Case dei Puffi, alloggi ai limiti dell'abitabilità

Le polemiche dei residenti: "Urge manutenzione nelle case"

Case dei Puffi, alloggi ai limiti dell'abitabilità
11/05/2011, 10:05

POZZUOLI (NA) - Mucchi di masserizie sul marciapiede, spazzatura nelle siepi delle aree verdi, lampioni che non si accendono e che lasciano i residenti al buio già nel pomeriggio. Ci troviamo nel quartiere delle Case dei Puffi, denominate così perché si tratta di complessi di appartamenti piuttosto modesti nell’altezza. Ubicate nel cuore del Rione Toiano, le palazzine popolari continuano a scontare i disagi della prefabbricazione pesante. L’umidità penetra ovunque e le macchie nere hanno ormai divorato con forza le pareti bianche. “L’acqua traspira nelle case, smonta le grondaie, penetra nelle ossa e sbriciola gli intonaci. Scava addirittura dei fossi, come quello che si era allargato sottoterra, sotto un marciapiede di cemento unito al corpo dell’edificio” ci racconta un residente del posto, che segnala la presenza di scarafaggi per le precarie condizioni igienico-sanitarie della zona. “Al buio le blatte prendono il sopravvento – prosegue il cittadino- spesso ci barrichiamo in casa per evitare che entrino negli appartamenti”. Di qualche mese fa l’appello lanciato dalla signora Cordua, che denunciò le pessime condizioni in cui è costretta a vivere da decenni. “Viviamo in queste case dal 1985; sono anni ormai che la muffa e l’umidità invadono le nostre abitazioni. Il Comune non è mai intervenuto; è stato mio figlio ad occuparsi della tinteggiatura di alcune pareti, ma ora il problema è tornato alla ribalta”. A distanza di tempo la situazione non è assolutamente cambiata. Suonano, infatti, dure le parole dei residenti delle case popolari di via Lucilio. Gli abitanti del posto ci fanno strada nell’edificio, ci accompagnano nei corridoi anneriti dall’umido e ci aprono le porte delle proprie case per farci assistere allo scempio quotidiano che li attanaglia. Numerose le infiltrazioni d’acqua sulle pareti esterne ed interne delle palazzine; inoltre sono in maggioranza i bagni che presentano problemi alle tubature. Bacinelle e barattoli padroneggiano così alla base dei lavandini, in modo tale che l’acqua venga raccolta al loro interno.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©