Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Stroncato da un edema polmonare, domani i funerali

Caserta, addio a Luigi Falco: il sindaco decisionista

Governò dal ’97 al 2005, proclamato il lutto cittadino

.

Caserta, addio a Luigi Falco: il sindaco decisionista
04/02/2013, 10:11

CASERTA - Un malore verso le 7 del mattino nella sua abitazione di Dragoni, la telefonata al 118 e poi la corsa all’ospedale di Piedimonte Matese dove, dopo due ore, il suo cuore ha cessato di battere. Se n’è andato così, ieri mattina, Luigi Falco, ex sindaco di Caserta, 62 anni da compiere il prossimo 29 marzo. A determinare la morte sarebbe stato un “edema polmonare cardiaco”. Lo stesso che già due anni fa lo aveva costretto al ricovero, in terapia intensiva, al policlinico universitario “Agostino Gemelli” di Roma. Sposato con Milena Casertano e padre di due ragazzi, Pietro (di professione medico) e Paolo (di professione avvocato), Luigi Falco era direttore dell’Unità operativa complessa di Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda Ospedaliera San Sebastiano e Sant’Anna di Caserta e docente della Seconda Università degli Studi di Napoli. Aveva ricoperto l’incarico di primo cittadino del capoluogo per quasi due mandati, a partire dal 1997, anno della sua prima elezione. Il secondo mandato di Falco non si concluse per il clamoroso voltafaccia di una parte della sua maggioranza che optò per le dimissioni in massa quando il sindaco era in viaggio istituzionale in Sud America. Di carattere forte, assai decisionista, Falco ha avuto sempre un rapporto di odio ed amore con i leader della coalizione che rappresentava: ovvero, il centrodestra. Alle ultime comunali, aveva deciso di scendere in campo con la lista “Sei Caserta”, sua creatura, oltre che con l’appoggio di Futuro e Libertà, dell’Udeur e di Lega Italia. In Consiglio, nonostante la sconfitta, ci era entrato comunque da oppositore, aderendo a Fli prima e all’Udeur poi; e proprio dell’Udeur era diventato il commissario provinciale. Anche se, proprio negli ultimi giorni, si era riavvicinato al Pdl ed ai vecchi amici di partito con cui era rimasto, per tanto tempo, in freddo. I funerali si terranno domani mattina, alle 11, al Duomo di Caserta; proclamato il lutto cittadino da parte del sindaco Pio Del Gaudio. Il feretro, proveniente da Dragoni, farà tappa alle 9 davanti al Comune e da lì muoverà un corteo che raggiungerà il vicino Duomo. Attestati di stima e di cordoglio sono pervenuti ai familiari da parte del mondo politico e istituzionale, senza distinzione di bandiera politica, oltre che da parte dei tanti amici di Falco, da tutti chiamato “Gigi”, del quale ricorderanno le sue sfuriate, quando le cose non giravano nel verso desiderato, ma anche il suo sorriso con il quale sdrammatizzava anche nei momenti più difficili e dolorosi.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©