Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Caserta: al di là della Reggia


Caserta: al di là della Reggia
28/03/2011, 10:03

E' stata premiata dal pubblico la scelta dei 5 siti storici casertani che la delegazione di Caserta del Fai (Fondo Ambiente Italiano), diretto da Donatella Cagnazzo, ha individuato per l'edizione 2011 della Giornata di Primavera. Un fiume di tremila visitatori provenienti da tutta la Campania, infatti, ha inondato il circuito di bellezze artistiche e storiche solitamente precluse alla fruizione turistica e che ieri (sabato 26 marzo) e oggi (domenica 27 marzo) si sono rivelate tra concerti, esibizioni, mostre e degustazioni enogastronomiche d'eccellenza.
Su tutti, la tappa più apprezzata è stata quella al Palazzo al Boschetto dei Principi Acquaviva, in via Passionisti, dove la competenza degli studenti "apprendisti ciceroni" del Liceo Classico "Giannone" di Caserta preparati dalla professoressa Lucia Giorgi, ha meritato gli applausi del pubblico. E poi il fascino degli affreschi, delle suggestioni architettoniche del cuore storico di Caserta, con il concerto del maestro Rosalba Vestini dell'Istituto di Musicologia di Caserta a far da sottofondo, ha fatto il resto.
E mentre sabato mattina sono state le scolaresche a farla da padrone nel percorso che prevedeva visite, oltre che al Palazzo al Boschetto, anche all'Ospedale Militare "Tescione", all'Istituto di Storia Patria Ex Convento dei Passionisti, e alla chiesa di San Francesco di Paola, dove sono custoditi i resti mortali del Vanvitelli, i fruitori dei tesori casertani svelati sabato pomeriggio e domenica sono state la famiglie.

"La mia infinita soddisfazione è legata a due fattori: - ha commentato Donatella Cagnazzo, presidente della delegazione Fai Caserta - il primo è legato al fatto che, in 5 anni di presenza Fai a Caserta, il seguito riscosso è cresciuto in maniera esponenziale; il secondo motivo è legato alla sinergia che la delegazione Fai di Caserta ha creato intorno a sé. Ed è a tal proposito che voglio ringraziare per la preziosa collaborazione Agrisviluppo, Confindustra, l'Associazione di Storia Patria, la Fisar, e le scuole, che ci hanno permesso di garantire al pubblico un percorso di visita ricco e assolutamente gratuito, e dove un contributo seppur simbolico era affidato alla spontaneità del gesto. E poi, grazie alle degustazioni di prodotti enogastronomici d'eccellenza offerti da Agrisviluppo, siamo riusciti ad offrire un viaggio culturale che regalava tesori d'arte, di storia, di gusto".

E la Delegazione Fai di Caserta dà appuntamento alla prossima manifestazione in programma:

"Il titolo scelto per l'evento di cui a breve comunicheremo la data - spiega il presidente Donatella Cagnazzo - è "Accendiamo i riflettori". Protagonista sarà la chiesa di San Pietro Apostolo nella frazione Aldifreda di Caserta. Una meraviglia di architettura e storia gestita dalla comunità francescana di Caserta e che oggi attende l'ultimo steep di un restauro avviato anni fa. Un intervento che, in corso d'opera, fece emergere un piano sottostante il calpestio della vecchia navata, ricco affreschi di immenso valore. Oggi al completamento dell'opera servono fondi, e il Fai delegazione di Caserta in collaborazione con la Curia, scende in campo con una campagna di sensibilizzazione ed un evento per la raccolta".

Sono stati vicini alla manifestazione: FERRARELLE, che ha distribuito ai visitatori le mini bottiglie di acqua; i VOLONTARI DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI CARABINIERI E LA PROTEZIONE CIVILE, che hanno garantito l'ordine e la sicurezza della manifestazione; gli allievi e gli insegnanti delle scuole I.S.I.S.S. "Michelangelo Buonarroti" di Caserta, del Liceo Classico "P. Giannone" di Caserta, della Scuola Media Statale "P. Giannone" di Caserta, dell' I.T.C.G. "P.S. Lener" di Marcianise e del Liceo "A. Manzoni" di Caserta.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©