Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Caserta, cosa avviene con la Tares?

Illegittimità e intempestività richiesta anticipo pagamento

Caserta, cosa avviene con la Tares?
13/06/2013, 11:36

CASERTA - Delle richieste da parte del Comune relativamente al pagamento anticipato del tributo TARES, si stanno attivamente interessando, da giorni, tutti gli Organi di Stampa ed Associazioni varie.

A seguito di numerose segnalazioni, pervenute anche allo Sportello del Cittadino della Cisas, la Segreteria zonale della Confederazione di Caserta ha esaminato tutto il caso “Tares Caserta”  unitamente alla Segreteria Provinciale della Cisas.

Senza entrare nel merito del ritardo delle richieste di pagamento, inviate dal Comune per il tramite di Publiservizi srl, concessionaria del Comune di Caserta, con molto ritardo e pervenute – per lo più – solo dopo la scadenza del pagamento al 30 Maggio e senza parlare dell’addizionale ex Eca, già contestata da altri, la Segreteria della Cisas è costretta ad evidenziare la intempestività e la illegittimità dell’avvenuta richiesta di anticipo del pagamento TARES.

Il Decreto governativo previsto e necessario ad approvare il modello del bollettino di conto corrente per il versamento del Tributo comunale sui Rifiuti e sui Servizi (TARES), nonché le modalità di versamento delle somme e della trasmissione dei dati dei versamenti ed i termini di detto versamento è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20 Maggio 2013 e non prima, come da richiesta del Comune di Caserta per il tramite di Publiservizi.

Il modello previsto dal suddetto decreto potrà essere utilizzato dal 1 Luglio.

Inoltre, il bollettino postale deve riportare un unico conto corrente, valido per tutti i Comuni del territorio nazionale, che non è quello indicato erroneamente da Publiservizi,  ma è il n. 1011136627. Inoltre, deve avere obbligatoriamente, come causale, l’intestazione “Pagamento TARES”, differente da quella ora indicata dal Comune “TARSU-Acconto TARES”.

La Cisas, per evitare ulteriori confusioni, precisa che la TARSU viene sostituita dalla TARES, quale pagamento dei costi relativi alla gestione di vari Servizi Comunali, come – tra l’altro – Rifiuti con avvio allo Smaltimento, della Illuminazione Pubblica, Manutenzione Strade e Sistemazione Verde Pubblico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©