Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Ad essere ricevuti saranno Del Gaudio e la David

Caserta, crolli alla Reggia: stasera vertice al Ministero

Stanziati intanto i primi 7mln di euro per il recupero

.

Caserta, crolli alla Reggia: stasera vertice al Ministero
12/11/2012, 12:16

CASERTA - Il ministro Lorenzo Ornaghi ha già fatto sapere che non sarà presente per precedenti impegni istituzionali, ma, ciò nonostante, quello in programma per stasera a Roma sarà un incontro di primaria importanza, con all’ordine del giorno il “caso Reggia di Caserta”. Del resto, il degrado in cui versa il monumento, non è un mistero, ha raggiunto livelli non più tollerabili ed è arrivato il momento di chiedere - ed ottenere - un aiuto serio e concreto da parte del Ministero per i Beni e le Attività culturali. Con il sindaco Pio Del Gaudio ci sarà anche la sovrintendente ai Beni culturali per le province di Caserta e Benevento, Paola Raffaella David, per passare in rassegna le problematiche che attanagliano la Reggia vanvitelliana e stabilire, eventualmente, un programma di interventi. A ricevere sia Del Gaudio che la David, come anticipato, non sarà Ornaghi bensì il capo di gabinetto del ministero, delegato a trattare per il caso Reggia. Quella di stasera rappresenta la prima di una lunga serie di iniziative che il “tavolo Caserta”, insediato nelle scorse settimane, intende promuovere al riguardo; tavolo, voluto fortemente da Del Gaudio, che conta sul contributo dei sindacati, delle imprese e delle istituzioni locali. L’obiettivo è duplice: da un lato fermare il degrado, alla luce anche dei recenti crolli dalla facciata registrati, e, dall’altro, promuovere ulteriormente la Reggia di Caserta come attrattore principale del territorio oltre che della città capoluogo. Per i lavori di restauro della facciata principale e di uno dei cortili interessati dalla caduta di elementi ornamentali, si ricorderà, il Ministero ha già fatto sapere di aver stanziato sette milioni di euro. Gli interventi dovrebbero partire entro Natale, mantenendo così per la Reggia l’attuale presenza di transenne e percorsi obbligati per i turisti.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©