Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Gli uomini impegnati nell’Operazione Joint Enterprise

Caserta, Granatieri di Sardegna nuovamente in Kosovo


Caserta, Granatieri di Sardegna nuovamente in Kosovo
24/10/2010, 11:10

CASERTA – Attualmente sono oltre 6.500 i militari dell’Esercito Italiano presenti sui numerosi teatri operativi sparsi un po’ dappertutto. Fra questi anche gli uomini e le donne del 1° Reggimento “Granatieri di Sardegna che venerdì scorso, alla presenza del Generale di Corpo d’Armata Francesco TARRICONE, Comandante del 2° Comando delle Forze di Difesa, di stanza a San Giorgio a Cremano, alla presenza della Bandiera di Guerra del Reggimento hanno salutato la città perché in partenza per il Kosovo, dove saranno impegnati nell’Operazione “Joint Enterprise”. La cerimonia ha sancito, di fatto, la partenza per il teatro operativo, dove, il prossimo 8 novembre, avverrà ufficialmente il T.O.A. (passaggio di responsabilità) con il 24° reggimento artiglieria “Peloritani” di Messina. L’impegno fuori area porterà il reparto, al cui comando c’è il Colonnello Carlo EMILIANI, in terra kosovara per circa sei mesi. In questo periodo, il comando della Task Force multinazionale, su base 1° Reggimento “Granatieri di Sardegna”, avrà il controllo dell’area di responsabilità del settore ovest, con i compiti definiti dalla NATO. Il reggimento, pur continuando ad assicurare gli onerosi impegni di alta rappresentanza presso le sedi istituzionali della capitale e fornendo il suo contributo nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”, ha ottenuto il “pronti all’impiego” dopo un intenso e specifico periodo di addestramento, svolto presso i principali poligoni militari nazionali. Alla cerimonia hanno partecipato, inoltre, il granatiere, nonché paracadutista, Generale Antonino TORRE, presidente del gruppo consiliare di Roma Capitale in rappresentanza del Sindaco di Roma Gianni ALEMANNO, il Generale Mario BUSCEMI, presidente dell’Associazione Nazionale “Granatieri di Sardegna” (A.N.G.S.), il Gonfalone di Roma Capitale ed il medagliere dell’Associazione Nazionale “Granatieri di Sardegna”. Il 1° reggimento "Granatieri di Sardegna", il più antico dell’Esercito Italiano, trae le sue origini dal "Reggimento delle Guardie", costituito il 18 aprile 1659 in Torino, dall'allora Duca Carlo Emanuele II di Savoia. Nel corso di questi lunghi secoli la “Bandiera” dei Granatieri è stata testimone e protagonista in tutti gli eventi storici, piccoli e grandi, che hanno deciso e accompagnato i destini del nostro Paese: dal faticoso e difficile percorso, sulla spinta dei valori e degli ideali del risorgimento, che approdò, al prezzo di tanto sacrificio, all’Unità d’Italia; ai due conflitti mondiali; dalla guerra di Liberazione fino ad oggi, assicurando, al meglio, i compiti istituzionali ricevuti, sia in Patria sia all’estero.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©