Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Riccardelli e De Simone chiedono chiarimenti a Ciontoli

Caserta, i dubbi dei giovani Udc sul nuovo piano parcheggi


Caserta, i dubbi dei giovani Udc sul nuovo piano parcheggi
08/11/2010, 13:11

CASERTA - Venerdì scorso, nella sala giunta del Comune di Caserta, c'è stata la presentazione ufficiale del nuovo, contestatissimo piano parcheggi preparato dall'assessore alla Qualità della Vita Antonio Ciontoli.
Presenti anche il sindaco, Nicodemo Petteruti, l'ad della Pubbliservizi, Antonio Natale, i rappresentanti sindacali e lo stesso Ciontoli. "E' solo una presentazione per un piano che oramai è già stato approvato"; ci ha tenuto a ribadire in più occasioni un orgoglioso Petteruti durante la conferenza. "Vogliamo ridare dignità alla città di Caserta"; ha contemporaneamente assicurato Ciontoli.
Oggi, lunedì 8 novembre, il nuovo sistema telematico di pagamento della sosta entra ufficialmente in vigore; con i parchimetri di ultima generazione (alimentati anche ad energia solare) pronti a rimpizzarsi di monetine e a sputare scontrini. Nonostante i toni entusiasti e risolutivi con i quali è stato lanciato il nuovo sistema, però, restano ancora diversi nodi da sciogliere e non pochi dubbi e perplessità espressi da cittadini, politici, giornalisti e sindacalisti.  
Ci sono ad esempio quelle linee blu comparse proprio d'avanti al centro di radiologia Morrone. In via Marchesiello, dove fino a qualche mese fa parcheggiavano gratuitamente tutti gli ospiti del noto laboratorio casertano, è infatti stato introdotto il sistema di sosta a pagamento (in quella che tra l'altro è una zona residenziale e non commerciale ndr).
C'è poi la questione legata alla suddivisione degli incassi; con quel forse troppo magro 25% che sarà versato dalla Pubbliservizi al Comunque e che tante perplesità ha infatti scatenato. A tal riguardo, il vicecommissario regionale dei giovani Udc, Gaetano Riccardelli, ha dichiarato:"Confidando nell'assolutà onestà e competenza dell'assessore Ciontoli ed avendo piena fiducia nel lavoro della ditta privata che si occuperà della gestione del nuovo sistema di parcheggi, onde evitare ogni sospetto di speculazione, sarebbe opportuno pubblicare on-line il rendiconto annuale degli incassi realizzati dalla Pubbliservizi e, magari, spiegare per bene il motivo della proporzione 25-75% che a tanti è parsa comprensibilmente eccessiva". 
L'aumento di 50 centesimi (da 1,50 euro per ogni ora a 2 euro) stabilito per le aree di sosta che si trovano al centro della città, potrebbe poi determinare un'ulteriore mazzata alle già inginocchiate attività commerciali presenti in zona:"La difficoltà di trovare parcheggi gratuiti o comunque non troppo cari nel centro della città, potrebbe spingere gli abitanti ad una 'migrazione' ancora più massiccia verso i centri commerciali che si trovano fuori città"; è difatti la preoccupazione espressa dal presidente cittadino dei giovani Udc, Gaetano De Simone.
Sempre in tema di tariffe, De Simone si dice molto sorpreso dalla "novità assoluta" rappresentata dal pagamento della prima ora di parcheggio anche nei giorni festivi:"Non so se succede anche da altre parti in Italia ma comunque è palese che, far pagare la prima ora di sosta anche durante i festivi, non sembra una manovra molto corretta nei confronti dei già tartassati cittadini casertani".
Nonostante il tentativo di chiarificazione dell'ultima conferenza stampa, resta piuttosto perplesso anche Ferdinando Palumbo, dell'Ugl Caserta:"Purtroppo le perplessità restano intatte, anzi, vista la modalità di suddivisione degli incassi i punti oscuri sembrano aumentare - ha infatti osservato il sindacalista -. Se resteremo solo noi a protestare non ci sentiremo certo in difficoltà".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©