Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Calvano:"Il D.M è sicuramente migliorativo"

Caserta: il seminario-workshop della S.T.I.G.C sulle novità del D.M 11 aprile 2011

Cosa cambia con la nuova normativa sui macchinari da lavoro

.

Caserta: il seminario-workshop della S.T.I.G.C sulle novità del D.M 11 aprile 2011
25/06/2011, 10:06

CASERTA - Il seminario-workshop  sulle novità introdotte dal D.M 11 aprile 2011 organizzato dalla  S.T.I.G.C. srl ingegneria  è stato diviso in due fasi: la prima, seminariale, durante la quale i rappresentati istituzionali e di categoria hanno promosso la campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza negli ambienti di lavoro, argomentando le loro esperienze sul territorio locale e le difficoltà degli organi ispettivi pubblici in merito alle attività di controllo e verifica delle attrezzature di lavoro e le problematiche delle aziende di Terra di Lavoro. Sono intervenuti l’Assessore alle attività produttive della provincia di CasertaCarlo Puoti, il vicepresidente ASI Filippo Fecondo ed il vicepresidente ANCE Confindustria Dott.Giovanni Bo. Nell’attività di workshop, l’Ingegner Gianluca Calvano, Project Manager STIGC, ha illustrato quali sono le nuove procedure operative introdotte dal D.M.11.4.1.  Il convegno è stato sapientemente introdotto e moderato dal responsabile dei controlli della STIGC Gianpiero Calvano.

Il workshop, invece, ha illustrato le sostanziali novità introdotte dal decreto D.M.11.4.11 che modifica l’art.71 comma 13 del D.Lgs 81/08 e s.m.i. in merito alla attività di verifica periodica delle attrezzature di lavoro elencate in allegato VII, prima in carico alle ASL/ARPA.

Building Industrial

Gru Generatori di Vapore

Idrostratori Serbatoi in pressione

Piattaforme e ascensori da cantiere Tubazioni in pressione secondo DM 329/04

Ponti Mobili Carroponte

Il decreto oggetto dell’iniziativa introduce importanti elementi di cambiamento sul sistema delle verifiche obbligatorie, con l’inserimento di soggetti privati abilitati che andranno a supportare il soggetto pubblico titolare dell’attività al fine del raggiungimento dell’obbiettivo,consistente nella effettuazione della totalità dei controlli di cui all’art. 71 comma 11. A tal fine saranno coinvolti rappresentanti di enti pubblici e privati che svolgono o andranno a svolgere attività di verifica periodica.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©