Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Falsi documenti sanitari per comprovare falsi incidenti

Caserta: truffa alle assicurazioni, arrestati quattro medici

Denunciate oltre 40 persone

Caserta: truffa alle assicurazioni, arrestati quattro medici
10/02/2011, 17:02

CASERTA - Lo squallido copione è quello classico: truffa alle assicurazioni portata avanti da medici pronti a compilare falsi certificati, testimoni di incidenti mai realmente avvenuti e qualche altra decina di traffichini di varia risma che chiudevano il cerchio della frode.
Grazie al lavoro dei carabinieri di Sessa Aurunca, sono finiti agli arresti domiciliari quattro medici delle Asl di Caserta e Formia. Destinatari di un provvedimento di custodia cautelare in carcere, anche i due titolari di altrettante agenzie d'infortunistica stradale della provincia di Caserta. In tutto, le persone coinvolte a vario titolo nella truffa e denunciate a piede libero, sono 40.
Frodi assicurative come quella appena scoperta dai militari di Sessa Aurunca, rappresentano il miglior alibi fornito alle compagnie per giustificare il perenne (ed incontrollato) aumenti dei prezzi dell'rc auto. A tal proposito, sarebbe opportuna una disciplina normativa particolarmente severa, sia in termini di pena detentiva che di pena pecuniaria, pensata appositamente per i diversi "furbi" che ogni anno vengono pizzicati dalle autorità.  

Il CIRCOLO VIZIOSO DELL'RC AUTO
Doveroso precisare, al contempo, il gioco al rialzo nel quale da anni sono impegnate tutte le compagnie assicurative italiane. In particolare al mezzogiorno, infatti, l'incremento dei premi assicurativi è costante e soprattutto incontrollato. Le aziende si organizzano con spudarate operazioni di cartello a danno esclusivo del consumatore; operando al contempo una vera e propria politica discriminatoria nei riguardi del mezzogiorno d'Italia.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©