Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Domani l’insediamento, nota di ringraziamento di Bouchè

Caserta, ufficio scolastico: Grano lascia il posto a Romano

L’uscente, per 12 mesi, si è divisa tra Avellino e Caserta

.

Caserta, ufficio scolastico: Grano lascia il posto a Romano
10/02/2014, 12:58

CASERTA – S’insedierà, ufficialmente, domani il nuovo dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Caserta.  Si tratta di Vincenzo Romano, 43enne, originario di Napoli e già provveditore agli studi di Pordenone, che sostituisce Rosa Grano; quest’ultima, per dodici mesi, si è divisa tra gli uffici di Caserta, in qualità di dirigente pro-tempore, e quelli di Avellino, dove invece è dirigente effettivo. L’avvicendamento, che è stato annunciato dal dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Diego Bouché, arriva in un momento molto positivo per l’ufficio casertano che, sotto la guida della Grano, ha visto la riorganizzazione delle aree di competenza, la ristrutturazione dei piani di comunicazione e l’istituzione di un nuovo servizio di messaggistica istantanea che permette all’utenza di disporre di aggiornamenti, in tempo reale, sulle comunicazioni più significative relative al mondo della scuola casertana. “In questi mesi – scrive il dirigente Bouchè in una nota – si è lavorato, in modo particolare, alla soluzione dei problemi del personale della scuola (dirigenti, docenti e Ata)”. La Grano, si ricorderà, era stata chiamata a dirigere l’ufficio di Caserta, a seguito di un’inchiesta giudiziaria che aveva portato anche ad una perquisizione negli uffici di via Ceccano da parte delle forze dell’ordine, su disposizione della Procura di Napoli. In giornata, la Grano, che aveva instaurato un ottimo rapporto con le istituzioni locali ed i sindacati, saluterà i rappresentanti dei circa 200 istituti scolastici della provincia di Caserta. Infine il saluto della Consulta provinciale dei rappresentanti degli studenti: “Il nostro auspicio è di poter continuare con il nuovo dirigente il medesimo rapporto di fiducia e collaborazione avuto con la dirigente Grano”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©