Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Dalla Provicia arrivano notizie dei prossimi licenziamenti

Caso Ctp: probabile soppressione della linea Caserta-Napoli via autostrada

Annullate anche diverse corse nell'agroaversano

Caso Ctp: probabile soppressione della linea Caserta-Napoli via autostrada
29/03/2011, 20:03

CASERTA - Continua il ping-pong di notizie contrastanti e spesso ambigue in riferimento all'intricato nodo che da qualche tempo avvolge la sorte di numerosi autisti della Ctp; la storica ditta partenopea  di trasporti pubblici che dopo 130 anni di servizio rischia una serio ridimensionamento ed un conseguente smembramento.
Dopo le prime e decise proteste di sindacati e dipendenti allo stabilimento di Pozzuoli e dinanzi la Provincia di Caserta, dagli enti pubblici sembravano essere arrivate buone notizie; con il rischio di tagli al personale che pareva essere stato scongiurato grazie allo stanziamento di nuovi fondi (pari a circa 40 milioni di euro) che avrebbero dovuto rimpinguare le magrissime casse del servizio di trasporto pubblico. Eppure, stando a quanto hanno riferito dai vertici sindacali che lunedì 28 marzo hanno partecipato alla riunione tenutasi in Provicia, sarebbe emersa la volontà di eliminare la corsa Napoli-Caserta via autostrada coperta dalla compagnia e di effettuare ulteriori tagli anche nelle tratte dell'agroaversano.
Tale provvedimento rischia di causare non solo la perdita di diversi posti di lavoro per gli autisti Ctp ma anche una serie di disagi non indifferenti per i pendolari che utilizzavano la linea che collegava con rapidità e discreta efficienza i due capoluoghi. Ci sono poi i due grandi centri manifatturieri Tarì ed Oromare che si vedrebbero isolati poichè tagliati fuori dalle tratte che per anni sono riuscite a garantire un regolare servizio di trasporto per i vari clienti. 
Il primo punto poco chiaro della vicenda, sottolineato con forza e preoccupazione dagli stessi dipendenti della nota azienda, riguarda il modo in cui si provvederà a sostituire l'innegabile disservizio causato dalla soppressione della linea Napoli-Caserta via autostrada. L'utilizzo di un servizio pubblico, infatti, difficilmente garantirebbe lo stesso numero di corse e dunque lo stessa elasticità d'orari ai passeggeri.
Nei prossimi giorni Julie continuerà a seguire con attenzione e trasparenza la delicata questione ed intervisterà anche il presidente della Provincia di Caserta  
Domenico Zinzi.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©