Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Caso Deiulemar: oggi missione istituzionale presso la Presidenza della Camera dei Deputati


Caso Deiulemar: oggi missione istituzionale presso la Presidenza della Camera dei Deputati
14/11/2012, 15:36

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione comunale sul caso “Deiulemar”. Nel pomeriggio di oggi, il Sindaco Gennaro Malinconico e il Presidente del Consiglio Comunale Filippo Colantonio saranno nuovamente a Roma per incontrare il dott. Alberto Solia, Capo della Segreteria del Presidente della Camera dei Deputati on. Gianfranco Fini.

“È un’altra tappa del nostro percorso finalizzato a sensibilizzare le istituzioni sovralocali intorno ad una questione che ha un impatto devastante per Torre del Greco - commenta il Sindaco Malinconico - Dopo aver incontrato i collaboratori del Ministro allo Sviluppo Economico Corrado Passera, siamo riusciti ad ottenere questo confronto presso la Presidenza della Camera dei Deputati e siamo in attesa di essere ricevuti anche dalla Presidenza del Senato. Ricordo inoltre che il prossimo 30 novembre parteciperemo ad un tavolo tematico convocato dal Ministro Corrado Passera. Come è noto, le nostre richieste riguardano sia il riconoscimento dei diritti degli obbligazionisti (a tutela dei quali invochiamo il potenziamento dell’organico dei magistrati che lavorano sul caso, l’accesso ai cosiddetti conti dormienti e l’attivazione delle rogatorie internazionale), sia la salvaguardia degli interessi economici e sociali della città (e quindi tutela dei livelli occupazionali per i lavoratori coinvolti dal fallimento, crediti agevolati per le PMI locali e fondi per il commercio). È in quest’opera di continue consultazioni con le istituzioni sovralocali - realizzata anche grazie all’interessamento diretto del nostro Presidente del Consiglio Comunale Filippo Colantonio, che colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente - che si sta sostanziando il nostro impegno sul fronte “Deiulemar”. Per quanto ci riguarda, altre possibilità di intervento non esistono. In particolare, non ci interessa cavalcare l’onda della demagogia o partecipare a manifestazioni di piazza, che talvolta finiscono per prestare il fianco a comportamenti di illegalità. Siamo fiduciosi nell’operato della Magistratura, alla quale dobbiamo lasciare il tempo di lavorare, vista la straordinaria complessità della questione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©