Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Caso Magliocca, Mazzuoccolo attacca la magistratura


Caso Magliocca, Mazzuoccolo attacca la magistratura
18/03/2011, 11:03

Il vicesindaco di Pignataro Maggiore, Piergiorgio Mazzuoccolo, ha incredibilmente approfittato della manifestazione per i 150 anni dell’Unità d’Italia per attaccare l’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che ha portato in carcere il sindaco Giorgio Magliocca con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. A giudizio di Mazzuoccolo, Magliocca è stato arrestato “ingiustamente”.

La sortita del vice sindaco, in un contesto che avrebbe dovuto consigliargli maggiore prudenza, ha suscitato pesanti critiche nell’opinione pubblica pignatarese. E il Comitato anticamorra di Pignataro Maggiore chiede, in un comunicato stampa, l’intervento del prefetto di Caserta e del ministro dell’Interno.

Personaggio anch’egli molto discusso, il vicesindaco Piergiorgio Mazzuoccolo, nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Giorgio Magliocca, è oggetto di accuse da parte del collaboratore di giustizia Giuseppe Pettrone per presunti rapporti con la famiglia Passarelli, titolare dello zuccherificio “Kerò” sequestrato nell’ambito di un’altra inchiesta dalla DDA a Pignataro Maggiore. Accuse, quelle del collaboratore di giustizia a Mazzuoccolo, la cui attendibilità è al vaglio degli inquirenti.

Piergiorgio Mazzuoccolo, con la sua sceneggiata contro i valorosi magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli – si legge ancora nel comunicato del Comitato anticamorra di Pignataro Maggiore –, ha dimostrato una volta di più, se ne ce fosse stato ancora bisogno, che sarebbe un pessimo sindaco, e in perfetta continuità con Magliocca, qualora fosse eletto alle prossime elezioni amministrative. A Pignataro Maggiore bisogna voltare pagina: con il voto degli elettori, con le inchieste della magistratura e con un intervento del prefetto di Caserta e del ministro dell’Interno contro la banda di Palazzo Scorpio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©